base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

trifluoperazina

trifluoperazina

La trifluoperazina , venduta con diversi marchi, è un tipico antipsicotico usato principalmente per trattare la schizofrenia. Può anche essere usato a breve termine in quelli con disturbo d'ansia generalizzato, ma è meno preferito alle benzodiazepine. È della classe chimica della fenotiazina.

Usi medici

Schizofrenia

La trifluoperazina è un antipsicotico efficace per le persone con schizofrenia. Esistono prove di bassa qualità che la trifluoperazina aumenta le possibilità di miglioramento rispetto al placebo quando le persone vengono seguite per 19 settimane. Esistono prove di bassa qualità che la trifluoperazina riduce il rischio di recidiva rispetto al placebo quando le persone vengono seguite per 5 mesi. A partire dal 2014 non vi sono state prove evidenti di una differenza tra trifluoperazina e placebo rispetto al rischio di manifestare sintomi intensi per un periodo di 16 settimane, né nel ridurre la significativa agitazione o angoscia.

Non ci sono prove che la trifluoperazina sia più efficace per la schizofrenia degli antipsicotici a bassa potenza come la clorpromazina, il clorprotixene, la tioridazina e la levomepromazina, ma la trifluoperazina sembra causare più effetti avversi di questi farmaci.

Altro

Sembra essere efficace per le persone con disturbo d'ansia generalizzato, ma il rapporto beneficio-rischio non era chiaro dal 2005.

È stato sperimentalmente usato come farmaco per uccidere agenti patogeni eucariotici come funghi e amebozoa negli esseri umani.

Effetti collaterali

Il suo uso in molte parti del mondo è diminuito a causa della discinesia tardiva precoce e tardiva molto frequente e grave, un tipo di sintomo extrapiramidale. Il tasso di sviluppo annuale della discinesia tardiva può raggiungere il 4%.

Una meta-analisi del 2004 degli studi sulla trifluoperazina ha scoperto che è più probabile che il placebo provochi effetti collaterali extrapiramidali come acatisia, distonia e parkinsonismo. È anche più probabile che causi sonnolenza ed effetti collaterali anticolinergici come occhi rossi e xerostomia (secchezza delle fauci). Tutti gli antipsicotici possono causare la rara e talvolta fatale sindrome neurolettica maligna. La trifluoperazina può abbassare la soglia convulsiva. L'azione antimuscarinica della trifluoperazina può causare un'eccessiva dilatazione delle pupille (midriasi), che aumenta le probabilità che i pazienti con ipermetropia sviluppino glaucoma.

Controindicazioni

La trifluoperazina è controindicata nella depressione del SNC, nel coma e nelle discrasie ematiche. La trifluoperazina deve essere usata con cautela nei pazienti con insufficienza renale o epatica.

Meccanismo di azione

La trifluoperazina ha effetti antiadrenergici centrali, antidopaminergici e anticolinergici minimi. Si ritiene che funzioni bloccando i recettori della dopamina D1 e D2 nei percorsi mesocorticali e mesolimbici, alleviando o minimizzando tali sintomi di schizofrenia come allucinazioni, delusioni e pensiero e linguaggio disorganizzati.

nomi

I marchi includono Eskazinyl, Eskazine, Jatroneural, Modalina, Stelazine, Terfluzine, Trifluoperaz, Triftazin.

Nel Regno Unito e in alcuni altri paesi, la trifluoperazina è venduta e commercializzata con il marchio "Stelazine".

Il farmaco viene venduto sotto forma di compresse, liquidi e "USP iniettabile in trifluoperazina" per uso intramuscolare profondo a breve termine. Il GP che studia i dati farmacologici ha indicato casi di fusione irreversibile delle vertebre del collo che porta a preparazioni del SSN prevalentemente a forma di trifluoperazina liquida rispetto alla forma di compresse come nella Stela zine ecc.

In passato, la trifluoperazina veniva utilizzata in combinazioni fisse con l'inibitore MAO (antidepressivo) tranylcypromine (tranylcypromine / trifluoperazine) per attenuare i forti effetti stimolanti di questo antidepressivo. Questa combinazione è stata venduta con il marchio Jatrosom N. Allo stesso modo esisteva una combinazione con amobarbital (potente agente sedativo / ipnotico) per il miglioramento della psiconeurosi e dell'insonnia con il marchio Jalonac. In Italia è ancora disponibile la prima combinazione, venduta con il marchio Parmodalin (10 mg di tranylcypromine e 1 mg di trifluoperazina).