base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Thomas Dick (scienziato)

Thomas Dick (scienziato)

Il reverendo Thomas Dick (24 novembre 1774 - 29 luglio 1857), era un ministro ecclesiastico britannico, insegnante di scienze e scrittore, noto per le sue opere di astronomia e filosofia pratica, che combinava scienza e cristianesimo e sosteneva un'armonia tra i due.

Vita e carriera

Primi anni di vita

Thomas fu allevato nei rigidi principi della presuntateriana Chiesa della Scozia della Secessione, e suo padre, Mungo Dick, un piccolo produttore di biancheria, progettò per lui il suo mestiere. Ma la comparsa di una brillante meteora lo impressionò, quando era al suo nono anno, con la passione per l'astronomia; leggeva, a volte anche quando era seduto al telaio, ogni libro sull'argomento alla sua portata; implorò o prese in prestito qualche vecchio paio di occhiali, inventò una macchina per macinarli nella forma corretta e, dopo averli montati in tubi di cartone, iniziò le osservazioni celesti. I suoi genitori, inizialmente afflitti dalle sue eccentricità, gli lasciarono scegliere il proprio stile di vita quando aveva sedici anni.

Formazione scolastica

Dick divenne assistente in una scuola di Dundee, e nel 1794 entrò all'Università di Edimburgo, sostenendosi con lezioni private. Terminati i suoi studi filosofici e teologici, fondò una scuola a Dundee, prese una licenza per predicare nel 1801 e officiò in libertà vigilata per alcuni anni a Stirling e altrove. Dopo circa quindici mesi, fu scomunicato e perse il lavoro lì a causa di una relazione con il suo servitore. Un invito dei patroni ad agire come insegnante nella Secession School di Methven ha portato lì una residenza di dieci anni, contraddistinta da sforzi da parte sua verso il miglioramento popolare, tra cui una promozione zelante dello studio della scienza, la fondazione della biblioteca popolare e quello che era sostanzialmente un istituto di un meccanico. Sotto il nome di società letterarie e filosofiche, adattate ai livelli medi e inferiori della comunità , l'estensione di tali istituti fu raccomandata da lui in cinque articoli pubblicati sulla rivista mensile nel 1814; e, un anno o due dopo, una società fu organizzata vicino a Londra sui principi ivi stabiliti, di cui fu eletto membro onorario.

Come studente universitario, Dick aveva diversi compagni di classe degni di nota all'Università di Edimburgo, tra cui Robert Brown, Joseph Black e Robert Jameson.

Carriera di scrittura

Lasciando Methven, Dick trascorse un altro decennio come insegnante a Perth, in Scozia. Durante questo intervallo ha fatto la sua prima apparizione indipendente come autore. Il filosofo cristiano, o Connexion of Science and Philosophy with Religion , fu pubblicato per primo nel 1823. Diverse nuove edizioni furono pubblicate nel corso dei prossimi anni, l'ottava edizione fu pubblicata a Glasgow nel 1842. Il suo successo determinò la vocazione dell'autore alla letteratura. Alla fine abbandonò l'insegnamento scolastico nel 1827 e si costruì un piccolo cottage, attrezzato con un osservatorio e una biblioteca, su una collina che dominava il Tay a Broughty Ferry, vicino a Dundee. Qui ha scritto una serie di opere, scientifiche, filosofiche e religiose, che hanno acquisito una rapida e ampia popolarità sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti, e che sono disponibili su Internet e sulla stampa.

Dick credeva nella pluralità di mondi o nel pluralismo cosmico che ogni pianeta del Sistema Solare fosse abitato. Nel suo libro Celestial scenery, ovvero Le meraviglie del sistema planetario, mostrava , tra molti altri argomenti, che il sistema solare conteneva 21.894.974.404.480 (21+ trilioni) di abitanti. Ciò è stato fatto utilizzando la superficie di ciascun pianeta e la densità di popolazione dell'Inghilterra. Ha lavorato con la Religious Tract Society per pubblicare tre dei suoi libri su scienza e religione, tra cui uno dei suoi libri di maggior successo, The Telescope and Microscope .

Un grado onorario di LL.D. gli fu conferito all'inizio della sua carriera letteraria dall'Union College, New York, e fu ammesso alla Royal Astronomical Society il 14 gennaio 1853. Un documento sulle osservazioni del Celestial Day , che riportava i risultati di una serie di osservazioni su stelle e pianeti in il giorno con un piccolo equatoriale a Methven nel 1812–1813, fu da lui comunicato nel 1855 alle comunicazioni mensili della Royal Astronomical Society (xv. 222). Aveva scritto sullo stesso argomento quarantadue anni prima nel Journal of Natural Philosophy di William Nicholson (xxxvi. 109).

Vita successiva

Nonostante il successo dei suoi libri, tuttavia, Dick fece così grandi affari con i suoi editori, che ne trasse piccoli profitti e la sua povertà fu alleviata nel 1847 da una pensione di 50 sterline all'anno e da un abbonamento locale di 20 o 36,17 €. Morì all'età di ottantadue anni, il 29 luglio 1857, e fu sepolto a Broughty Ferry.

Influenza ed eredità

I libri di Thomas Dick hanno consentito ai progressi fatti dall'Illuminismo scozzese nel secolo precedente di prosperare insieme al pensiero morale e religioso vittoriano. Hanno influenzato molti scienziati, ingegneri, politici, scrittori e pensatori. Ad esempio David Livingstone, che ha ispirato l'assistenza sanitaria, l'educazione e la fine della schiavitù nell'Africa centrale, ha considerato la filosofia di Dick of a Future State come la sua influenza più importante dopo la Bibbia.

Nel 1851, Thomas incontrò William Wells Brown, che in seguito avrebbe descritto Dick come "un abolizionista ... che è disposto a far sapere al mondo che odia l '" istituzione peculiare "".

Opere selezionate

Tra le sue opere si possono citare:

  • The Christian Philosopher, ovvero The Connection of Science with Religion , Glasgow: William Collins; Londra: Whittaker & Co; (1823). La sua prima opera popolare, dalla quale era talvolta noto come "il filosofo cristiano".
  • La filosofia di uno stato futuro , Glasgow, 1829, in cui sviluppò una teologia cristiana compatibile con la scienza empirica di Francis Bacon che sosteneva "una padronanza progressiva e in costante aumento della natura attraverso la ricerca sistematica e ininterrotta della conoscenza".
  • The Mental Illumination and Moral Improvement of Mankind , New York: 1836, sviluppando un treno di pensiero familiare allo scrittore durante i suoi ventisei anni, e parzialmente indicato in diversi contributi alla letteratura periodica.
  • Scenario celeste; oppure, Le meraviglie del sistema planetario mostrate; illustrando le perfezioni della divinità e una pluralità di mondi , New York, Harper & brothers, 1838.
  • The Sidereal Heavens, e altri argomenti collegati con l'astronomia , Londra: 1840 e 1850, New York: 1844 (con ritratto dell'autore), presentando argomenti per la pluralità di mondi.
  • The Practical Astronomer , London: 1845, che fornisce semplici descrizioni e istruzioni per l'uso di strumenti astronomici; oltre a numerosi piccoli volumi pubblicati dalla Religious Tract Society sul telescopio e microscopio , l'atmosfera e i fenomeni atmosferici e il sistema solare .