base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Sir Thomas Glen-Coats, 2 ° baronetto

Sir Thomas Glen-Coats, 2 ° baronetto

Sir Thomas Coats Glen Glen-Coats, 2 ° Baronetto (5 maggio 1878, a Paisley - 7 marzo 1954, a Glasgow) era un marinaio scozzese che gareggiava per il Royal Clyde Yacht Club nella classe dei 12 metri alle Olimpiadi estive del 1908.

Era il figlio di Sir Thomas Glen-Coats, primo baronetto, membro del parlamento del West Renfrewshire.

L' Heatherbell da 12 metri è stato progettato da Thomas C Glenn-Coates (skipper) per il maggiore Andrew Coates e costruito da Alexander Robertson e Sons Ltd (Yachtbuilders) nel 1907. È stata la prima barca nella nuova classe di metri ad essere costruita nel UK. Il nome "Coates" (dinastia tessile / filo di Paisley) divenne famoso per le corse di 8 metri sul Clyde, tra il 1911 e il 1938. Heatherbell in seguito rappresentò la Finlandia alle Olimpiadi estive di Helsinki del 1912.

Fu anche il progettista e il timone della barca britannica Hera , che vinse la medaglia d'oro del 1908 nella classe dei 12 metri. Era apprendista di Alfred Mylne, che si imbarcò sullo yacht per il suo giovane protetto.

Alla morte di suo padre, nel 1922, divenne baronetto.

Muore il 7 marzo 1954. Viene sepolto accanto a Sir James Coats in cima al cimitero di Woodside a Paisley.

Lady Glen-Coats

Il 5 aprile 1935, sposò Louise Hugon, figlia di Emile Hugon. Nel 1938 divenne la potenziale candidata liberale per le Isole Orcadi e Shetland. I liberali avevano perso il posto per i conservatori nel 1935 e speravano di riconquistarlo alle elezioni politiche previste per il 1939-1940. Tuttavia lo scoppio della guerra ha rinviato le elezioni. Rimase come potenziale candidato ma nel 1945 si dimise in favore di Jo Grimond, che nel 1950 ottenne il seggio. Invece si trovò a Paisley, dove i Glen-Coats erano importanti industriali locali, arrivando terzo con poco più del 10%. Dal 1946 al 1948 fu presidente del Partito liberale scozzese. Morì improvvisamente in Jersey il 19 settembre 1967.

La baronzia si estinse alla sua morte.