base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Sir John Shelley, 5 ° baronetto

Sir John Shelley, 5 ° baronetto

Sir John Shelley, 5 ° baronetto (1730 - 11 settembre 1783), di Michelgrove nel Sussex, era un politico britannico che sedeva nella Camera dei Comuni dal 1751 al 1780.

Era il figlio maggiore di Sir John Shelley, quarto baronetto e Margaret Pelham, due dei cui fratelli (Henry Pelham e il duca di Newcastle) servirono come primo ministro britannico. Entrò in Parlamento alle elezioni suppletive nel 1751, probabilmente alla prima occasione, quando era stato legalmente abbastanza grande da farlo, come Membro del Parlamento per East Retford, un distretto di proprietà di suo zio Newcastle; il posto vacante è nato dalla nomina del deputato in carica come Commissario dell'Accisa, molto probabilmente con l'intenzione specifica di liberare il posto per Shelley. Rappresentò questo collegio elettorale fino al 1768 quando, dopo essere caduto con Newcastle, si trasferì a rappresentare la vicina Newark (che un tempo era stata anche sotto il controllo di Newcastle ma ora apparteneva a un altro dei nipoti di Newcastle, il Conte di Lincoln, che aveva anche litigato con suo zio ). Successivamente è stato anche deputato per New Shoreham.

Nel 1755, su raccomandazione di Newcastle (che era diventato Primo Ministro alla morte di suo fratello l'anno precedente), Shelley fu nominato il desiderabile sinecure-a-vita di Keeper of the Records of the Tower of London, del valore di £ 420 all'anno . Nel 1757 acquisì un altro incarico redditizio, Clerk of the Pipe, e nel 1766 divenne tesoriere della casa di Sua Maestà e fu nominato membro del Consiglio privato.

Shelley successe alla baronzia alla morte di suo padre il 5 settembre 1771, prendendo possesso di Michelgrove, nel Sussex. Sposò Wilhelmina Newnham (deceduta nel 1772), figlia di John Newnham di Maresfield Park, dalla quale ebbe un figlio, John, che gli successe. Dopo la morte della sua prima moglie si sposò di nuovo, con Elizabeth Woodcock, e avevano tre figlie.

Si ritirò dal Parlamento nel 1780 e morì nel 1783.