base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Robert Wilks

Robert Wilks

Robert Wilks (c 1665 -. 27 settembre 1732) è stato un attore britannico e direttore teatrale che è stato uno dei dirigenti di spicco del Drury Lane nel suo periodo di massimo splendore dei 1710. Fu, con Colley Cibber e Thomas Doggett, uno dei "triumvirati" di attori-manager che fu denunciato da Alexander Pope e caricaturato da William Hogarth come leader del declino degli standard teatrali e del degrado della tradizione letteraria del palcoscenico.

La famiglia era basata da molte generazioni a Bromsgrove, nel Worcestershire. Il suo prozio, il giudice Wilks, aveva servito Carlo I d'Inghilterra durante la guerra civile inglese, per la quale aveva sollevato una truppa a sue spese. Dopo che Oliver Cromwell vinse la guerra civile, il padre di Wilks si trasferì a Dublino, dove nacque Robert Wilks.

Era un impiegato di Robert Southwell fino a quando non si arruolò nell'esercito guglielmo. Non appena fu dimesso dall'esercito, lavorò al Smock Alley Theatre di Dublino dal 1691 al 1693. Secondo la versione della storia di Wilks, aveva recitato per la prima volta quando la sua compagnia militare aveva messo su un Otello dilettante, e aveva così tanto successo che iniziò a recitare come carriera. Nel 1693, Christopher Rich, direttore di Drury Lane, lo assunse per lavorare a Londra. Lo stesso anno, sposò Elizabeth Knapton.

Nel 1698, tornò a Dublino per esibirsi nelle commedie di George Etherege, ed era così popolare che, secondo la sua storia, dovette fuggire a Londra, e l'anno successivo iniziò la sua collaborazione con George Farquhar. Farquhar e Wilks erano amici intimi, ei due viaggiarono insieme da Dublino a Londra. Nel 1699, Wilks apparve in The Constant Couple di Farquhar nel ruolo di Harry Wildair. Fu un ruolo che divenne la firma di Wilks e lo rese un rubacuori tra le giovani donne di Londra. Per il resto della sua vita Harry Wildair sarebbe stato l'alter ego di Wilks, e Wilks appariva nei ruoli da protagonista nelle commedie di Farquhar.

A Drury Lane, Christopher Rich governava il teatro con una mano machiavellica. Nel 1702, Rich dovette scegliere tra Wilks e George Powell, il direttore delle prove. La lotta per il potere seguì Wilks e Powell partì per la Lincoln's Inn Fields mentre Wilks fu promosso direttore delle prove. Ciò mise Wilks in una posizione di forza all'interno del teatro e quando lo sciopero dell'attore ebbe luogo nel 1706, Wilks era ben posizionato per vincere. Rich è stato accusato di aver preso un terzo dei profitti di tutti gli attori, e gli attori principali sono usciti per il Queen's Theatre all'Haymarket (ora Her Majesty's Theatre). Rich, e suo figlio, John Rich, hanno risposto mettendo in scena opera e pantomima.

All'Haymarket, Wilks era una stella. Ha assunto i ruoli principali in 1 Enrico IV, Amleto, Giulio Cesare e La via del mondo . Ha anche debuttato in The Beaux 'Stratagem di Farquhar . Nel 1709, Wilks, con Cibber, Thomas Doggett e Anne Oldfield, si unì a Owen Swiny nella gestione dell'Haymarket. L'anno successivo, il gruppo vinse la loro lotta e fu riportato a Drury Lane, e nel 1711 diventarono gli attori-manager di Drury Lane. Thomas Doggett, secondo il libro di memorie in qualche modo inaffidabile di Colley Cibber, proibiva a qualsiasi donna di far parte del gruppo di manager, e Owen Swiny decise di tornare all'Haymarket, e così i restanti attori dell'attore formarono un "triumvirato". Questi tre dirigenti avevano posizioni proficue e difficili, ed è probabile che dal 1711 al 1714 le azioni del triumvirato non abbiano mai guadagnato meno della fantastica somma di £ 1.000 all'anno.

Nel 1713, Barton Booth sostituì Doggett come attore-manager, e nel 1714 Richard Steele si unì a loro e ottenne un brevetto reale sul teatro. Questo brevetto permise alla società di presentare The Country Lasses di Charles Johnson senza licenza nel 1715, e da quel momento in poi il brevetto stesso fu un prodotto estremamente prezioso. Alla morte di Steele nel 1729, i tre membri attuali del triumvirato ottennero una quota di un terzo del brevetto.

I gestori erano molto occupati con i dettagli della produzione, ma erano impegnati quanto gli attori. Wilks recitò centoquaranta esibizioni nella stagione 1721-2, per esempio, e Wilks andò raramente in tournée fuori Londra (ad eccezione di un singolo viaggio a Dublino nel 1711). Wilks era uno dei pilastri di Drury Lane, sia come manager che, ancora di più, come attraente protagonista maschile. Colley Cibber, la cui autobiografia si ritrae come una voce di ragione e calma, dipinge Wilks come una personalità vana e tempestosa, ed è possibile credere alle lamentele di Cibber sugli altri senza credere alla sua lode di se stesso. Alexander Pope ha satirizzato Wilks, insieme a Cibber e Doggett, in The Dunciad , entrambe le versioni. William Hogarth ha raffigurato Wilks come un uomo impegnato a recitare in pantomima di una pausa in prigione mentre utilizzava script per Amleto come carta igienica. I gestori degli attori hanno risposto alla crescente mossa di spettacoli teatrali "spettacolari" (vedi il dramma di Augustan per il contesto) e di produzioni veloci a basso costo, e quindi il triumvirato, in particolare, è stato spesso satirizzato per aver ridotto il palcoscenico.

Morì nel 1732 a Londra e fu sepolto nella chiesa di St. Paul, Covent Garden. Aveva guadagnato una quantità eccezionale di denaro nella sua vita, ma, alla sua morte, non lasciò praticamente alla sua seconda moglie nient'altro che una parte del brevetto di Drury Lane.