base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Rangoon (film hindi 2017)

Nel 1943, mentre infuria la seconda guerra mondiale, l'India sta combattendo una guerra tutta sua: l'indipendenza dal dominio britannico. Il subash Chandra Bose, fondatore dell'esercito nazionale indiano (INA), è rimasto disincantato dal movimento Ahimsa (non violento) del Mahatma Gandhi e desidera combattere il fuoco con il fuoco. Riconoscendo il crescente dominio dell'esercito imperiale giapponese nella regione indo-cinese, l'INA si allea con i giapponesi, sperando di cavalcare l'onda a Delhi. Le truppe indiane dell'esercito indiano britannico sono bloccate in battaglie campali con l'INA e il suo contingente giapponese. In una di queste schermaglie vicino al confine indo-birmano, Jemadar Nawab Malik (Shahid Kapoor) e un gruppo di compagni di soldati sono messi all'angolo dalla fanteria giapponese. Correndo per scappare su una chiatta, viene colpito e catturato come prigioniero di guerra. Nel frattempo, l'ottone principale dell'INA cerca disperatamente finanziamenti per rifornire le sue pesanti munizioni per aiutare l'accusa a Delhi.

Contemporaneamente in India, Julia (Kangana Ranaut), una delle principali star del cinema indiano, è la star di una compagnia di ballo che intrattiene civili e forze armate attraverso film che sposano la sua temerarietà. Zulfi (Saharsh Kumar Shukla) è il suo maggiordomo, truccatore e fidato confidente. I suoi film sono prodotti da Rustom "Rusi" Billimoria (Saif Ali Khan), ex star del cinema d'azione indiano la cui carriera è stata interrotta quando ha perso una mano in un'acrobazia cinematografica andata male. Ora è il mentore di Julia e il rampollo di una casa di produzione. Billimoria è in rapporti amichevoli con il comandante britannico residente maggiore generale David Harding (Richard McCabe), che incontra una spada reale incrostata di gemme appartenente a un Maharaja (Surendra Pal) in una riunione ospitata da Billimoria. Illuminato dall'arrogante comportamento del comandante, il re si sforza di inviare la spada al confine indo-birmano, dove l'INA spera di poter finanziare il suo programma di artiglieria e cacciare gli inglesi fuori dall'India. Un'occasione si presenta quando Harding propone di spedire Julia e la sua troupe al confine devastato dalla guerra dove spera di aumentare il morale cadente delle sue truppe attraverso i suoi spettacoli. Quando Billimoria e Julia (che ora sono in una relazione) obiettano, Harding promette la massima sicurezza e li costringe minacciando di bloccare le forniture di materiale cinematografico dall'Inghilterra, poiché la Germania nazista ha bloccato le spedizioni. La relazione di Billimoria con Julia provoca spaccature nella sua famiglia, con sua moglie che chiede il divorzio e suo nonno che inventano uno stratagemma per impedire a Billimoria di accompagnare Julia nel tour.

A bordo del treno, Jemadar Malik, che apparentemente è fuggito come prigioniero di guerra, è assegnato come dettaglio di sicurezza a Julia, con suo grande dispiacere. Attraversando un fiume, l'intera gamma di passeggeri e barcaioli subisce un feroce attacco aereo giapponese, provocando numerose vittime. Gli inglesi presumono che Julia sia caduta, ma è sopravvissuta ed è accostata da tre soldati giapponesi. Malik, che è anche fuggito illeso, arriva in tempo per salvarla dall'essere ucciso e nel processo, cattura un soldato giapponese Hiromichi (Satoru Kawaguchi) come ostaggio per ricondurli al confine indiano. Attraverso la giungla bagnata dalla pioggia e una zona di guerra brulicante di plotoni nemici, Julia, Malik e Hiromichi marciano lentamente verso la loro destinazione. Combattendo un bunker antiaereo, riescono a malapena a sfuggire a una trappola esplosiva, con Malik furioso per Hiromichi per averli condotti in un'imboscata. Mentre la dolcezza e la compassione di Julia contrastano contro il cinismo e l'aggressività induriti da Malik, i due si innamorano, nonostante la schiacciante consapevolezza che il loro viaggio finirà quando Julia si riunirà a Billimoria.

Di ritorno in India, Harding propone di nuovo che Julia, ora fidanzata con Billimoria, venga spedita in prima linea, questa volta con protezione antiaerea. Julia continua a mostrare sentimenti per Malik: lo sostiene per la prestigiosa medaglia di Victoria Cross e lo costringe deliberatamente a fare volontariato per uno spettacolo teatrale. Billimoria inizia ad avere sospetti sul suo comportamento, che sono confermati dopo un episodio surrettizio e appassionato tra Malik e Julia durante un raid aereo. Desiderando vendetta, Billimoria si offre volontariamente come una mano sul palco del prossimo spettacolo di Julia e dopo una routine tesa, rivela indirettamente che è consapevole della sua infedeltà e pronto a impegnarsi in una lotta per il traguardo con Malik. Nel frattempo, Zulfi, che è sopravvissuto anche al precedente raid ed è in realtà una spia per l'INA, è stato incaricato di riportare la spada nell'INA da Mema (Lin Laishram), un agente dell'INA nei ranghi britannici, e Malik. Viene poi rivelato che Malik non è sfuggito alla sua prigionia a Rangoon ma è stato liberato dall'INA che lo ha illuminato sui mali del dominio britannico in India, arruolandosi così nel reggimento Gandhi dell'INA. Convinto della causa e dotato di uno scopo nuovo, Malik incontra clandestinamente Julia prima di uno spettacolo e consegna le istruzioni finali a Zulfi, che prende posizione fuori dalla sua tenda. Il maggiore Williams (Alex Avery) insulta razzialmente Zulfi dopo aver tentato di entrare forzatamente nella tenda di Julia per farle iniziare lo spettacolo. Infuriato e inebriato, Zulfi lancia minacce sprezzanti agli inglesi alla radio durante lo spettacolo di Julia. L'esplosione viene ascoltata da Billimoria, Harding e altri soldati britannici, che si affrettano a scoprire il colpevole offensivo. Zulfi si dichiara colpevole della presenza di Julia sul palco, ma viene colpito a morte da Williams, mentre Harding scopre che Zulfi possedeva una pistola di un ufficiale dell'esercito britannico. Sconvolta, Julia protesta contro la decisione di Billimoria di non dare a Zulfi una corretta sepoltura mentre un altro membro della troupe di Julia attacca segretamente Malik in uno spettacolo di controllo delle armi. Al calar della notte, in mezzo a torrenti acquazzoni, Julia e Malik danno a Zulfi una corretta sepoltura, riflettendo su lealtà e motivazioni.

Durante un tentativo di organizzare un appuntamento per il trasferimento della spada con l'INA tramite una lettera, Malik e Mema vengono catturati da Julia, che accusa Malik di tradimento. Diviso tra i suoi sentimenti per lei e la sua causa, Malik ribatte dicendo che Julia è accecata da ciò che vede e la verità è persa su di lei. La lettera arriva all'INA, ma Mema viene intrappolata dagli inglesi mentre trasmette messaggi. Il giorno successivo, Harding ricatta Mema per rivelare i suoi cospiratori minacciando di uccidere suo figlio, a quel punto Malik rivela la sua vera fedeltà. Cantando l'inno INA, Malik si lancia con aria di sfida verso Harding, che segnala a Williams di sparare a Mema. Infuriato per questo atteggiamento insensibile, Malik si lancia verso Williams, ma viene catturato e torturato dai suoi ex compagni. Inorridita da questa sequenza di eventi, Julia gira una nuova foglia: estrae Malik da un treno diretto a Delhi e riprende il viaggio di Zulfi nel portare la spada nell'INA. Al ponte su cui verrà consegnata la spada, Malik e Julia sono messi all'angolo dagli inglesi. Malik convince Julia ad attraversare il ponte coprendola. Nel conseguente scontro a fuoco, Malik viene gravemente ferito da un colpo di mortaio mentre Billimoria arriva con rinforzi britannici. Harding cerca di dissuadere Julia dall'attraversare il ponte con un'altra falsa promessa, ma il Malik ferito a morte lo sfida attraversando il ponte e sacrifica la propria vita in modo che Julia possa continuare. Harding ordina che il ponte venga fatto saltare in aria, causando gravi ferite a Julia. Cercando di riscattarsi, Billimoria chiede a Julia il suo ultimo desiderio, che fa appello al fatto che continui il suo compito di consegnare la spada all'INA prima di morire. Rilasciando la spada splendente, Billimoria massacra il resto delle truppe britanniche sul ponte, decapita Harding e cammina sulla corda consegna la spada all'INA. Il film termina proclamando l'INA innalzata la bandiera indiana nel 1944.

lanciare

  • Saif Ali Khan nel ruolo di Rustom "Rusi" Billimoria
  • Shahid Kapoor nel ruolo di Jamadar Nawab Malik
  • Kangana Ranaut nel ruolo di Miss Julia
  • Shriswara come Haseena
  • Kashmira Irani nel ruolo di Zenobia Billimoria
  • Richard McCabe nel ruolo del maggiore generale David Harding
  • Satoru Kawaguchi nel ruolo di Hiromichi
  • Surendra Pal nel ruolo di Maharaja
  • Lin Laishram nel ruolo di Mema
  • Amruta Khanvilkar nel ruolo di Maharani
  • Saharsh Kumar Shukla nel ruolo di Zulfi
  • Alex Avery nel ruolo del maggiore Williams

Produzione

Vishal Bhardwaj avrebbe dovuto girare il film dopo Omkara (2006). Tuttavia, il film è stato bloccato per motivi sconosciuti. In precedenza era stato intitolato Julia . La sceneggiatura è stata scritta da Matthew Robbins, che in precedenza aveva collaborato per 7 Khoon Maaf (2011).

Le riprese del film sono iniziate il 18 novembre 2015 ad Arunachal Pradesh. Molti artisti di Manipur, Arunachal si unirono all'equipaggio per il primo turno. A metà gennaio, le riprese del film sono state interrotte a causa di un infortunio a Shahid Kapoor e ad un attore giapponese. Kangana Ranaut si è recata a New York City per ricercare il suo ruolo, quindi si è diretta su un'isola del Messico per imparare a vivere da solo.

pubblicazione

Il film è stato rilasciato il 24 febbraio 2017. Alla sua uscita, il film ha ricevuto recensioni contrastanti, sebbene la performance di Kangana Ranaut in quanto Julia sia stata ampiamente elogiata come la forza del film. Il film non è riuscito a trovare un pubblico più ampio ed è stato uno dei più grandi flop del 2017.

Colonna sonora

Rangoon
Album della colonna sonora di
Vishal Bhardwaj
Rilasciato 18 gennaio 2017
Registrato 2016-2017
Genere Colonna sonora del film
linguaggio hindi
Direttore Vishal Bhardwaj
Produttore Sajid Nadiadwala

La musica per il film è composta da Vishal Bhardwaj; i testi sono di Gulzar. La prima canzone intitolata "Bloody Hell" del film è stata rilasciata l'11 gennaio 2017, insieme al video musicale. La colonna sonora del film completo è stata presentata il 18 gennaio e comprende 12 brani in totale, incluso il tema musicale del film. I diritti musicali sono acquistati da T-Series.

Tutta la musica è composta da Vishal Bhardwaj.

Elenco della pista
No. Titolo Testi Singer (s) Lunghezza
1. "Bloody Hell" Gulzar Sunidhi Chauhan 04:12
2. "Yeh Ishq Hai" Gulzar Arijit Singh 04:40
3. "Mere Miyan Gaye England" Gulzar Rekha Bhardwaj 03:47
4. "Tippa" Gulzar Sukhwinder Singh, Rekha Bhardwaj, Sunidhi Chauhan 05:44
5. "Ek Dooni Do" Gulzar Rekha Bhardwaj 03:57
6. "Alvida" Gulzar Arijit Singh 05:03
7. "Julia" Gulzar Sukhwinder Singh, KK, Kunal Ganjawala 05:52
8. "Chori Chori" Gulzar Rekha Bhardwaj 02:53
9. "Yeh Ishq Hai (versione femminile)" Gulzar Rekha Bhardwaj 04:44
10. "Rangoon Theme" Strumentale 01:31
11. "Essere ancora" Lekha Washington Dominique Cerejo 03:08
12. "Shimmy Shake" Lekha Washington Vivienne Pocha 02:26
Lunghezza totale: 48:06

riconoscimenti

Cerimonia di premiazione Categoria Destinatario Risultato Ref. (S)
Decimo Mirchi Music Awards Miglior produttore musicale (programmazione e arrangiamento) Clinton Cerejo e Hitesh Sonik - "Julia" Ha vinto
Miglior punteggio di sfondo Vishal Bhardwaj