base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Pubblicità

La pubblicità è la visibilità o consapevolezza del pubblico per qualsiasi prodotto, servizio o azienda. Può anche riferirsi al movimento di informazioni dalla sua fonte al grande pubblico, spesso ma non sempre tramite i media. Gli argomenti della pubblicità includono persone di interesse pubblico, beni e servizi, organizzazioni e opere d'arte o di intrattenimento.

Un pubblicista è qualcuno che svolge pubblicità, mentre le pubbliche relazioni (PR) è la funzione di gestione strategica che aiuta un'organizzazione a comunicare, stabilire e mantenere la comunicazione con il pubblico. Questo può essere fatto internamente, senza l'uso di media popolari. Dal punto di vista del marketing, la pubblicità è una componente della promozione e del marketing. Gli altri elementi del mix promozionale sono pubblicità, promozione delle vendite, marketing diretto e vendita personale.

Storia

La pubblicità proviene dalla parola francese publicité . La pubblicità come pratica ha origine nel cuore di Parigi, dove lo shopping, il turismo e l'industria dell'intrattenimento hanno incontrato la stampa commerciale e una fiorente industria editoriale. Nella società urbana, scene di consumo e nuove identità dei consumatori sono state diffuse attraverso la pubblicità. La Maison Aubert ha plasmato la disciplina emergente della pubblicità. All'inizio del 19 ° secolo a Parigi, le pubblicità e le campagne pubblicitarie per articoli di consumo, come scialli di cashmere e rivenditori come le profumerie, presto attrassero la regolamentazione sul flyposting.

Le società statunitensi del XIX secolo includevano non solo messaggi a favore della vendita nella loro pubblicità, ma anche spiegazioni, dimostrazioni ed esagerazioni. I produttori di medicina brevettuale e cosmetica negli Stati Uniti hanno spesso descritto o addirittura mostrato ai consumatori prima e dopo l'uso del prodotto. La Blair Manufacturing Company era tra le società statunitensi che pubblicizzavano i suoi prodotti confrontando i consumatori vecchio stile che non usavano il prodotto pubblicizzato con i clienti progressisti che lo facevano. Le modifiche prima-dopo sono diventate comuni nella pubblicità dal 1910 in poi. L'economista contemporaneo Thorstein Veblen ha criticato il relativo vantaggio della pubblicità. Ha sostenuto che la vendibilità non è un'utilità e che la pubblicità "non ha alcuna relazione tracciabile con alcun vantaggio che la comunità potrebbe derivare". Veblen ha stimato quanto stessero pagando le campagne pubblicitarie delle aziende al prezzo pagato dai consumatori. Ha sostenuto che la pubblicità generale per i prodotti farmaceutici e cosmetici da banco era superiore alla metà del prezzo al dettaglio.

Relazioni pubbliche

La pubblicità viene spesso definita come il risultato di pubbliche relazioni, in termini di fornitura di informazioni favorevoli ai media e ai punti vendita di terzi; questi possono includere blogger, media mainstream e anche nuovi moduli multimediali come i podcast. Questo viene fatto per fornire un messaggio ai consumatori senza dover pagare per il tempo o lo spazio diretto. Questo in cambio crea consapevolezza e raggiunge una maggiore credibilità. Dopo che il messaggio è stato distribuito, il pubblicista responsabile delle informazioni perderà il controllo del modo in cui il messaggio viene utilizzato e interpretato, in contrasto con il modo in cui funziona nella pubblicità. Secondo Grunig, le relazioni pubbliche sono spesso ridotte alla pubblicità. Dichiara inoltre come la pubblicità sia una forma di attività in cui dovrebbe essere associata allo sforzo di promozione delle vendite di un'azienda, al fine di aiutare anche la pubblicità e la vendita personale. Kent ha anche affermato che fare pubblicità può aiutare ad attirare l'attenzione fornendo al contempo informazioni su un'organizzazione specifica o un singolo cliente e qualsiasi evento, attività o attributo ad essi associato.

L'uso della pubblicità è anche noto per essere un importante elemento strategico e uno strumento promozionale grazie al suo effetto di esposizione intenzionale su un consumatore. Questo aiuta la pubblicità a ottenere un vantaggio benefico rispetto ad altri aspetti del marketing come la pubblicità insieme alla sua alta credibilità. La pubblicità favorevole viene anche creata attraverso la gestione della reputazione, in cui le organizzazioni cercano di controllare via web. Inoltre, nonostante il fatto che la pubblicità, sia buona che cattiva, possa essere utile per un'organizzazione, una società o un individuo, gran parte di essa viene pagata nonostante affermi che la pubblicità è spesso gratuita.

Nonostante la pubblicità sia un vantaggio influente nel settore del marketing, uno svantaggio che influenza fortemente la pubblicità è la mancanza di capacità in cui la pubblicità non può essere ripetuta, rispetto alla pubblicità a pagamento.

pubblicisti

Un pubblicista è una persona il cui compito è generare e gestire pubblicità per un'azienda, un prodotto, un personaggio pubblico (specialmente una celebrità) o un lavoro come un libro, un film o una band. Sebbene ci siano molti aspetti del lavoro di un pubblicista, la sua funzione principale è di convincere la stampa a riferire sul proprio cliente nel modo più positivo possibile. I pubblicisti identificano aspetti "degni di nota" di prodotti e personalità da offrire alla stampa come possibili idee di reportage. Sono anche responsabili della creazione di reportage sui loro clienti in modo tempestivo che si adatta al ciclo di notizie di un punto vendita. Tentano di presentare una storia degna di nota in un modo che influenza la copertura editoriale in una certa direzione, generalmente positiva. Questo è ciò che viene generalmente chiamato rotazione. Un pubblicista in genere funge da ponte tra un cliente e il pubblico Sebbene le attività quotidiane variano a seconda di ciò di cui ogni cliente ha bisogno, il punto focale principale per un pubblicista è la promozione. Per quanto riguarda una situazione di crisi, i pubblicisti spesso tentano di utilizzare la situazione come un'opportunità per ottenere il nome della propria organizzazione o del cliente nei media.

Un agente di stampa, o flack, è un pubblicista professionista che agisce per conto del proprio cliente su tutte le questioni relative alle pubbliche relazioni. Gli agenti di stampa sono generalmente impiegati da personalità e organizzazioni pubbliche come artisti e aziende. Un agente di stampa fornirà informazioni ai media come eventi pubblici imminenti, opportunità di interviste e date promozionali e lavorerà con i media per mettersi in contatto con un cliente o una risorsa appropriati. A volte gli agenti di stampa devono agire come "spin doctor, per mettere in luce le azioni pubbliche dei loro clienti. Mentre gli agenti di stampa hanno tradizionalmente lavorato con giornali e televisione, possono anche essere in contatto con i nuovi media come blog e podcast. La professoressa Elizabeth L. Toth descrive come gli agenti di stampa (un'altra forma di pubblicisti) sono disposti a incuriosire i notiziari, i media mainstream e i blog web con "cattive notizie" (tossicodipendenze delle celebrità, divorzi, scandali, affari sordidi ecc.) Al fine di " vendere "una storia e aiutare a ottenere ulteriore copertura per i loro clienti. Ciò è supportato dal modello di pubblicità / pubblicità che viene spesso utilizzato nelle industrie della moda, dello sport e dell'intrattenimento, in base alla presunzione che anche le cattive notizie possano essere una buona pubblicità.

Pubblicità negativa

La pubblicità può anche creare un effetto negativo per coloro che vengono pubblicizzati. Uno dei fattori più importanti in relazione all'influenza della decisione di acquisto di un consumatore è il modo in cui un'azienda, un marchio o un individuo si occupano di pubblicità negativa. La pubblicità negativa può comportare una grave perdita di entrate o quote di mercato all'interno di un'azienda. Può anche svolgere un ruolo nel danneggiare la percezione del consumatore di un marchio o dei suoi prodotti. L'elevata credibilità della pubblicità negativa e la maggiore influenza rispetto ad altre comunicazioni controllate dall'azienda contribuiscono al potenziale danno che può avere sull'immagine aziendale. Le crisi coinvolte in un'organizzazione possono anche tradursi in pubblicità negativa.

Inoltre, la pubblicità negativa influisce su tutto, dalla valutazione di un marchio e di un prodotto ai giorni nostri. Spesso, quando la consapevolezza di un'azienda, un marchio o un individuo è elevata, la pubblicità negativa è considerata dannosa per le vendite possibili. Al contrario, le aziende, i marchi e le persone non conosciute possono utilizzare la pubblicità negativa per aumentare la consapevolezza del marchio presso il pubblico.

La vasta gamma di media, inclusi i media tradizionali e quelli nuovi, offre alle aziende l'opportunità di commercializzare i propri prodotti o servizi. Ciò, tuttavia, limita o riduce la capacità di gestire la pubblicità negativa, poiché il loro messaggio può essere diffuso nei media. Affinché le organizzazioni provino a recuperare qualsiasi pubblicità negativa che circonda il loro marchio, la responsabilità sociale delle imprese (CSR) è una soluzione che può aiutare a proteggere l'immagine di un'azienda o contribuire a invertire il danno. Le aziende devono adottare tempestivamente l'approccio CSR affinché sia ​​efficace, o potenziali rischi come intenzioni falsificate possono svilupparsi all'interno della percezione del consumatore.

Nonostante l'effetto dannoso che può causare la pubblicità negativa, la pubblicità negativa potrebbe non avere sempre l'effetto previsto. Esiste la possibilità che la pubblicità negativa possa effettivamente ottenere maggiore attenzione rispetto alla pubblicità positiva. Indipendentemente dalla natura della pubblicità negativa e dalla sua capacità di allontanare la maggior parte delle persone, qualsiasi leggero accenno di pubblicità negativa può in effetti creare interesse tra il consumatore. Come affermato da Monga & John, la pubblicità negativa non è sempre dannosa e è improbabile che i consumatori che identificano un marchio con forti attitudini siano influenzati dalla pubblicità negativa formata.