base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Lingua dei segni indiana delle pianure

Lingua dei segni indiana delle pianure

Pianure indiano Sign Language (PISL), noto anche come Plains Segno Talk, Plains lingua dei segni e la prima nazione Sign Language, è un linguaggio di commercio, già commercio pidgin, che un tempo era la lingua franca in tutto quello che oggi è Canada centrale, centrale e occidentale degli Stati Stati e Messico settentrionale, utilizzati tra le varie Nazioni di Pianura. Era anche usato per la narrazione di storie, l'oratorio, varie cerimonie e da persone sorde per l'uso quotidiano ordinario. Si ritiene erroneamente una lingua o lingue codificate manualmente; tuttavia, non ci sono prove sostanziali che stabiliscono una connessione tra qualsiasi lingua parlata e Plains Sign Talk.

Il nome "Plains Sign Talk" è preferito in Canada, con "indiano" considerato da molti peggiorativo. Pertanto, le pubblicazioni e i rapporti sulla lingua variano nelle convenzioni di denominazione in base all'origine.

Storia

Gli antecedenti di Plains Sign Talk, se presenti, sono sconosciuti a causa della mancanza di documenti scritti. Ma i primi documenti di contatto tra europei e popolazioni indigene della regione della Costa del Golfo in quello che oggi è il Texas e il Messico settentrionale notano una lingua dei segni completamente formata già in uso al momento dell'arrivo degli europei. Questi documenti includono i conti di Cabeza de Vaca nel 1527 e di Coronado nel 1541.

A causa di diversi fattori, tra cui il massiccio spopolamento e l'americanizzazione degli indigeni nordamericani, il numero di oratori di Plains Sign Talk è diminuito dall'arrivo in Europa. Nel 1885, si stima che vi fossero oltre 110.000 "indiani che parlano i segni", tra cui Blackfoot, Cheyenne, Sioux, Kiowa e Arapaho. Negli anni '60, rimase una "percentuale molto piccola di questo numero". Ci sono pochi oratori di Plains Sign Talk oggi nel 21 ° secolo.

William Philo Clark, che prestò servizio nell'esercito degli Stati Uniti nella pianura settentrionale durante le guerre indiane, fu l'autore di The Indian Sign Language , pubblicato per la prima volta nel 1885. La lingua dei segni indiana con brevi note esplicative dei gesti Le nostre istituzioni e una descrizione di alcune delle leggi peculiari, delle usanze, dei miti, delle superstizioni, dei modi di vivere, dei codici di pace e dei segni di guerra è un ampio lessico di segni, con approfondimenti di accompagnamento su culture e storie indigene. Rimane in stampa.

Geografia

L'uso della lingua dei segni è stato documentato su almeno 37 lingue parlate in dodici famiglie, distribuite su un'area di oltre 2,6 milioni di chilometri quadrati (1 milione di miglia quadrate). Nella storia recente, è stato altamente sviluppato tra Crow, Cheyenne, Arapaho e Kiowa, tra gli altri, e rimane forte tra Crow, Cheyenne e Arapaho.

La firma potrebbe essere iniziata nel sud, forse nel nord del Messico o in Texas, e si è diffusa nelle pianure solo di recente, sebbene questo sospetto possa essere un artefatto dell'osservazione europea. Il discorso sulle pianure si è diffuso a Sauk, Fox, Potawatomi, Cherokee, Chickasaw, Choctaw e Caddo dopo il loro trasferimento in Oklahoma. Tramite il corvo, sostituì la divergente lingua dei segni dell'altopiano tra le nazioni orientali che lo usavano, il Coeur d'Alene, Sanpoil, Okanagan, Thompson, Lakes, Shuswap e Coleville nella Columbia Britannica, con le nazioni occidentali che si spostavano invece su Chinook Jargon.

Lingua dei segni navajo
Originario di stati Uniti
Razza Navajo
Madrelingua
sconosciuto (1992)
(membri sordi e udenti)
Famiglia di lingue
Discorso del segno delle pianure
  • Lingua dei segni navajo
Codici lingua
ISO 639-3 Nessuno (mis)
glottolog Nessuna
Lingua dei segni di Blackfoot
Langue des Signes Blackfoot
(nella provincia canadese del Québec)
Originario di Canada, Stati Uniti
Razza Blackfoot
Madrelingua
sconosciuto (2015)
(membri sordi e udenti)
Famiglia di lingue
Discorso del segno delle pianure
  • Lingua dei segni di Blackfoot
Codici lingua
ISO 639-3 Nessuno (mis)
glottolog Nessuna
Lingua dei segni di Cree
Langue des Signes Crie
(nella provincia canadese del Québec)
Originario di Canada, Stati Uniti
Razza Cree
Madrelingua
sconosciuto (2015)
(membri sordi e udenti)
Famiglia di lingue
Discorso del segno delle pianure
  • Lingua dei segni di Cree
Codici lingua
ISO 639-3 Nessuno (mis)
glottolog Nessuna
Lingua dei segni di Ojibwa
Langue des Signes Ojibwa
(nella provincia canadese del Quebec)
Originario di Canada, Stati Uniti
Razza Ojibwe
Madrelingua
sconosciuto (2015)
(membri sordi e udenti)
Famiglia di lingue
Discorso del segno delle pianure
  • Lingua dei segni di Ojibwa
Codici lingua
ISO 639-3 Nessuno (mis)
glottolog Nessuna

Le varie nazioni con uso attestato, divise per famiglia linguistica, sono:

  • Piman: Pima, Papago e proseguendo nel nord del Messico
  • isolati della costa del Texas: Coahuilteco, Tonkawa, Karankawa, Atakapa
  • Yuman: Maricopa
  • Numic: Paiute, Ute, Comanche, Shoshone
  • Tanoan: Kiowa, Taos
  • Zuni Pueblo
  • Caddoan: Wichita, Pawnee, Arikara
  • Athabaskan: Apache (Mescalero, Lipan, Jicarilla e Kiowa Apache), Navajo, Sarcee, Castoro
  • Algonquian: Blackfoot, Gros Ventre, Cheyenne, Arapaho, Cree, Ojibwa
  • Kutenai
  • Siouan: Mandan, Corvo, Hidatsa, Omaha, Osage, Assinibion, Ponca, Oto, Sioux (Teton, Yankton, Yanktonai, Santee)
  • Sahaptian: Nez Perce, Sahaptin, Umatilla, Palus
  • Cayuse
  • Salish: Kalispel, Coeur d'Alene, Flathead, Spokane, Sanpoil (spostato dalla distinta lingua dei segni dell'altopiano)

Una forma distinta è anche riportata dal Wyandot dell'Ohio.

È noto che Navajo ha una popolazione relativamente considerevole di individui che possono parlare il dialetto navajo di Plains Sign Talk. Esiste anche una lingua dei segni non correlata, Navajo Family Sign, in un clan di Navajos che ha diversi membri non udenti.

Esiste una varietà di discorsi sui segni delle pianure all'interno della Confederazione di Blackfoot. Poco si sa sulla lingua oltre che è usata dai membri della comunità dei sordi, così come dalla comunità in generale, per tramandare tradizioni e storie "orali".

Fonologia

Esistono quattro parametri di base di Plains Sign Talk: la posizione della mano, il suo movimento, la forma e l'orientamento:

  • Posizione: implica il posizionamento spaziale di un segno. I segni possono cambiare significato se collocati in una posizione diversa, ad esempio davanti al viso rispetto a davanti al busto.
  • Movimento: questo implica, come implicito, il modo in cui le mani si muovono quando formano il segno. Ad esempio, in Plains Sign Talk, i segni AFTERNOON e MID-DAY formano coppie minime poiché sono entrambi formati esattamente allo stesso modo, l'unica differenza è che MID-DAY è fermo e POMERIGGIO si sposta da sopra la testa a lato in un arco movimento.
  • Handshape: come implicito, ogni segno assume una certa forma nella mano, chiamata handshape. La stretta di mano dei segni è un parametro molto chiave. Ad esempio, i segni YES e I-KNOW sono uguali in tutti i parametri ad eccezione della stretta di mano; in SÌ la mano forma la Plains Sign Talk J, e in I-KNOW la mano prende la forma a L.
  • Orientamento: si riferisce all'orientamento del palmo. Ciò è chiaramente visibile nelle parole Talk Plains ABOVE e ADD. Entrambi implicano che la mano sinistra funge da base da cui la mano destra si alza, ed entrambi hanno la stessa posizione, movimento e forma delle mani; tuttavia, in SOPRA, la mano non dominante è il palmo verso il basso, e in ADD la mano non dominante è il palmo verso l'alto.

Potrebbero esserci altri parametri, come le caratteristiche del viso. Tuttavia, questi funzionano come sovrasegmentali e i quattro parametri sopra elencati sono quelli cruciali.

Sebbene i parametri del segno siano elencati separatamente di seguito, in realtà coincidono con gli altri parametri per creare un singolo segno. Non è chiaro quante delle differenze fossero distintive (fonemiche).

handshape

Il Bureau of American Ethnology ha pubblicato un glossario di parole Plains Sign Talk che illustrano le forme di mani coinvolte. Assegnarono loro lettere alfabetiche.

  • Pugno, pollice davanti alle dita (A o B)
  • Pugno, pollice al lato delle dita (C)
  • Dita serrate, pollice che tocca il centro dell'indice (D)
  • Dita uncinate, pollice che tocca la punta posteriore dell'indice (E)
  • Dita uncinate, pollice sul lato delle dita (F)
  • Dita agganciate, pollice che tocca le punte delle dita (G)
  • Dita leggermente piegate, pollice sulla punta laterale dell'indice (H)
  • Pugno, tranne l'uncino che forma il gancio con il pollice che tiene la punta dell'indice (I)
  • Pugno, tranne l'indice completamente esteso (J, K o M)
  • Pugno, tranne il dito indice e il pollice estesi, il pollice si piega all'ultima articolazione per formare un angolo di 90 gradi con il dito indice (L)
  • Pugno tranne l'indice e il medio completamente estesi (N)
  • Pollice, indice e dito medio rivolti verso l'alto e separati, anulare e mignolo curvati orizzontalmente (O)
  • Tutte le dita e il pollice rivolti verso l'alto e separati, palmo a coppa (P e Q)
  • Tutte le dita e il pollice completamente estesi e separati (R)
  • Tutte le dita e il pollice completamente estesi e tenuti insieme (S e T)
  • Dita riunite in un punto, palmo a coppa, con pollice in mezzo (U)
  • Dita leggermente piegate, pollice sul lato dell'indice (V)
  • Tutte le dita e il pollice estesi, rilassati (Y)

Posizione

Plains Sign Talk utilizza le seguenti posizioni. I vari spazi neutri sono i luoghi più comuni in cui si verificano i segni.

  • Parte sinistra del busto
  • Lato destro del busto
  • Spazio neutro (centrato davanti al busto)
  • Spazio neutro superiore
  • Spazio neutro inferiore
  • Spazio neutro sinistro
  • Spazio neutro destro
  • Bocca
  • Naso
  • Mento frontale
  • Sotto il mento
  • Guancia
  • Occhio
  • Sotto il naso (sopra la bocca)
  • Fronte
  • Testa superiore (attaccata alla cima della testa)
  • Lato testa (attaccato alla testa sopra l'orecchio)
  • Testa indietro (attaccato alla parte posteriore della testa)
  • Lato della testa a destra (spazio al lato destro della testa)
  • Lato della testa a sinistra (spazio sul lato sinistro della testa)
  • Lato della testa anteriore destro (spazio davanti alla testa a destra)
  • Lato della testa anteriore sinistro (spazio davanti alla testa a sinistra)
  • Sopra la testa
  • Orecchio (attaccato alla testa all'orecchio)
  • Accanto all'orecchio (spazio accanto all'orecchio)
  • Polso
  • Fronte del palmo
  • Palmo indietro
  • Lato sinistro della mano
  • Lato destro della mano
  • Sotto la mano
  • Sopra la mano
  • Dita
  • Prima del viso (spazio davanti al viso)
  • Il petto
  • Torace a destra
  • Petto a sinistra
  • Gomito
  • Avambraccio
  • Spalla
  • piedi

Orientamento

Queste sono le direzioni verso cui il palmo può essere rivolto.

  • Su
  • Giù
  • Lato non dominante
  • Lato dominante
  • Verso il firmatario
  • Lontano dal firmatario

Movimento

I movimenti sottostanti si trovano in Plains Sign Talk. Possono essere ripetuti in determinate situazioni.

  • Fermo (nessun movimento)
  • Verso il basso
  • In su
  • Inoltrare
  • a rovescio
  • Verso il lato dominante
  • verso il lato non dominante
  • Arco verso l'alto
  • Arco verso il basso
  • Arco all'indietro
  • Arco in avanti
  • Verso l'arco laterale dominante
  • Verso l'arco laterale non dominante
  • Diagonale su e destra
  • Diagonale verso l'alto e a sinistra
  • Diagonale in basso e a destra
  • Diagonale in basso e a sinistra
  • rotante
  • Cerchio verticale
  • Cerchio orizzontale

scrittura

Poiché la maggior parte delle lingue dei nativi americani mancava di una tradizione alfabetica indigena e poiché la lingua dei segni indiana delle pianure era ampiamente compresa tra le diverse tribù, è noto che una trascrizione scritta e grafica di questi segni ha funzionato come mezzo di comunicazione tra i nativi americani durante e fuori prenotazione durante il periodo di colonizzazione americana, rimozione e scolarizzazione forzata tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. La lettera di uno studente di Kiowa, Belo Cozad, nel 1890, inviata dai suoi genitori alla Carlisle Indian School in Pennsylvania su una prenotazione in Oklahoma fece uso di tali segni e divenne una delle uniche trascrizioni scritte indigene conosciute della lingua Kiowa.