base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Minyue

Minyue

Minyue (cinese: 閩越) era un antico regno in quella che oggi è la provincia del Fujian nella Cina meridionale. Era un contemporaneo della dinastia Han, e in seguito fu annesso dall'impero Han mentre la dinastia si espandeva verso sud. I suoi abitanti erano gruppi di tribù indigene non cinesi chiamate Baiyue. Il regno sopravvisse all'incirca dal 334-110 a.C.

Storia

Sia Minyue che Dong'ou furono fondati dalla famiglia reale Zou che fuggì da Yue dopo essere stata sconfitta da Chu e Qi nel 334 a.C. Quando la dinastia Qin cadde nel 206 a.C., il re Hegemon Xiang Yu non fece re Zou Wuzhu e Zou Yao. Per questo motivo si sono rifiutati di sostenere e si sono uniti a Liu Bang attaccando Xiang Yu. Quando Liu Bang vinse la guerra nel 202 a.C., fece Zou Wuzhu re di Minyue e nel 192 a.C. fece Zou Yao re di Dong'ou (Ou orientale).

Nel 154 a.C., Liu Pi re di Wu, si ribellò contro gli Han e cercò di convincere Minyue e Dong'ou ad unirsi a lui. Il re di Minyue rifiutò, ma Dong'ou si schierò dalla parte dei ribelli. Tuttavia, quando Liu Pi fu sconfitto e fuggì a Dong'ou, lo uccisero per placare l'Han e quindi sfuggirono a qualsiasi ritorsione. Il figlio di Liu Pi, Liu Ziju, fuggì nel Minyue e lavorò per incitare una guerra tra Minyue e Dong'ou.

Nel 138 a.C., Minyue attaccò Dong'ou e assediò la loro capitale. Dong'ou è riuscito a mandare qualcuno a chiedere aiuto all'Han. Le opinioni alla corte Han erano contrastanti sull'opportunità o meno di aiutare Dong'ou. Il grande comandante Tian Fen era dell'opinione che gli Yue si attaccassero costantemente a vicenda e non era nell'interesse degli Han interferire nei loro affari. Il consigliere del palazzo Zhuang Zhu sostenne che non aiutare Dong'ou sarebbe stato come segnare la fine dell'impero proprio come il Qin. Fu fatto un compromesso per consentire a Zhuang Zhu di richiamare le truppe, ma solo dal comando di Kuaiji, e infine un esercito fu trasportato via mare a Dong'ou. Quando arrivarono le forze Han, Minyue aveva già ritirato le sue truppe. Il re di Dong'ou non desiderava più vivere a Dong'ou, quindi chiese il permesso agli abitanti del suo stato di trasferirsi nel territorio Han. Il permesso fu concesso e lui e tutto il suo popolo si stabilirono nella regione tra il fiume Changjiang e il fiume Huai.

Nel 137 a.C., Minyue invase Nanyue. Un esercito imperiale fu inviato contro di loro, ma il re Minyue fu assassinato da suo fratello Zou Yushan, che fece causa per la pace con gli Han. L'Han in trono nipote di Zou Wuzhu, Zou Chou, come re. Dopo che se ne furono andati, Zou Yushan si dichiarò segretamente re mentre il Han appoggiato Zou Chou si ritrovò impotente. Quando l'Han lo scoprì, l'imperatore considerò troppo problematico punire Yushan e lasciare che la questione scivolasse.

Nel 112 a.C., Nanyue si ribellò agli Han. Zou Yushan fece finta di inviare forze per aiutare gli Han contro Nanyue, ma mantenne segretamente i contatti con Nanyue e portò le sue forze fino a Jieyang. Il generale Han Yang Pu voleva attaccare Minyue per il loro tradimento, tuttavia l'imperatore sentiva che le loro forze erano già troppo esauste per qualsiasi ulteriore azione militare, quindi l'esercito fu sciolto. L'anno successivo, Zou Yushan venne a sapere che Yang Pu aveva richiesto il permesso di attaccarlo e vide che le forze Han stavano accumulando al suo confine. Zou Yushan fece un attacco preventivo contro gli Han, prendendo Baisha, Wulin e Meiling, uccidendo tre comandanti. In inverno, Han ha reagito con un attacco su più fronti di Han Yue, Yang Pu, Wang Wenshu e due marchesi Yue. Quando Han Yue arrivò nella capitale del Minyue, il nativo di Yue Wu Yang si ribellò a Zou Yushan e lo uccise. Wu Yang fu ingannato dagli Han come Marchese di Beishi. L'imperatore Wu di Han sentì che era troppo difficile occupare Minyue in quanto era una regione piena di stretti passi di montagna. Comandò all'esercito di sfrattare la regione e reinsediare la popolazione tra il fiume Changjiang e il fiume Huai, lasciando la regione (il moderno Fujian) una terra deserta.

Si dice che un'antica città di pietra situata nelle montagne interne del Fujian fosse la capitale del Minyue. Le tombe vicine mostrano la stessa tradizione funeraria delle tombe dello stato di Yue nella provincia di Zhejiang. Quindi, si è concluso che la città era un centro di Minyue.

Cultura

L'antica Baiyue del Fujian aveva usanze simili a quelle di alcuni degli aborigeni taiwanesi, come totemismo di serpenti, taglio di capelli corto, tatuaggi, denti tirati, palafitte, sepolture di scogliere e residenze post-coniugali uxorilocali. È possibile che gli antichi aborigeni di Taiwan fossero legati alla cultura Baiyue, derivata nell'antichità dalla costa sud-orientale della Cina continentale, come suggerito dai linguisti Li Jen-Kuei e Robert Blust. Si suggerisce che nelle regioni costiere sud-orientali della Cina vi fossero molti nomadi marini durante l'era neolitica e che avrebbero potuto parlare lingue austronesiane ancestrali ed erano abili marittimi. In effetti, ci sono prove che una lingua austronesiana era ancora parlata nel Fujian fino al 620 d.C.