base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Operazione Lindbergh

L' operazione Lindbergh era un'operazione tele-chirurgica completa eseguita da un team di chirurghi francesi situati a New York su un paziente a Strasburgo, in Francia (a una distanza di diverse migliaia di miglia) utilizzando soluzioni di telecomunicazione basate su servizi ad alta velocità e sofisticati Zeus robot chirurgico. L'operazione è stata eseguita con successo il 7 settembre 2001 dal professor Jacques Marescaux e dal suo team dell'IRCAD (Institute for Research into Cancer of the Digestive System). Questa è stata la prima volta nella storia medica che una soluzione tecnica si è dimostrata in grado di ridurre sufficientemente il ritardo inerente alle trasmissioni a lunga distanza per rendere possibile questo tipo di procedura. Il nome deriva dall'aviatore americano Charles Lindbergh, perché fu la prima persona a volare da solo attraverso l'Oceano Atlantico.

Dettagli della procedura

L'operazione ha comportato un intervento chirurgico mini-invasivo: la procedura di 45 minuti consisteva in una colecistectomia su una paziente di 68 anni nel reparto chirurgico A dell'ospedale civile di Strasburgo, nella Francia orientale. Da New York, il chirurgo controllava le braccia del sistema chirurgico robotico ZEUS, progettato da Computer Motion, per operare sul paziente. Il collegamento tra il sistema robotico e il chirurgo è stato fornito da un servizio a fibre ottiche ad alta velocità implementato grazie agli sforzi combinati di diverse entità del gruppo France Telecom.

Commentando l'operazione, il professor Marescaux ha dichiarato:

Credo che questa dimostrazione della fattibilità di una procedura chirurgica eseguita in remoto completamente sicura - e in particolare la prima operazione transatlantica - inauguri la terza rivoluzione che abbiamo visto nel campo della chirurgia negli ultimi dieci anni.

Il primo è stato l'arrivo di un intervento chirurgico mini-invasivo, che consente di eseguire le procedure con la guida di una telecamera, il che significa che l'addome e il torace non devono essere aperti. La seconda è stata l'introduzione della chirurgia assistita da computer, in cui l'intelligenza artificiale migliora la sicurezza dei movimenti del chirurgo durante una procedura, rendendoli più accurati, introducendo al contempo il concetto di distanza tra il chirurgo e il paziente. È stata quindi una estrapolazione naturale immaginare che questa distanza - attualmente diversi metri in sala operatoria - potesse potenzialmente arrivare a diverse migliaia di chilometri.
Questo è ciò che abbiamo appena dimostrato grazie all'abilità tecnica combinata di Computer Motion, che ha creato il robot digitale richiesto, e France Telecom, che è stata in grado di implementare un servizio di trasmissione a banda larga con compressione ottimizzata, limitando così il ritardo tra il comando di l'azione e il suo ritorno sul monitor a un livello praticamente impercettibile per l'occhio umano.
La dimostrazione della fattibilità di una procedura transatlantica - soprannominata "Operazione Lindbergh" è una pietra miliare riccamente simbolica. Pone le basi per la globalizzazione delle procedure chirurgiche, rendendo possibile immaginare che un chirurgo possa eseguire un'operazione su un paziente in qualsiasi parte del mondo.

Partner del progetto

L'intervento è stato il risultato di una stretta collaborazione tra IRCAD, il gruppo France Télécom e Computer Motion, lo sviluppatore dei sistemi robotici chirurgici Zeus. È stato anche coinvolto l'EITS (European Institute of Telesurgery).