base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Kusazōshi

Kusazōshi (草 双 紙) è un termine che copre vari generi della popolare letteratura illustrata stampata con blocchi di legno durante il periodo giapponese Edo (1600-1868) e all'inizio del periodo Meiji. Queste opere sono state pubblicate nella città di Edo (Tokyo moderna).

Nel suo senso più ampio, il termine kusazōshi include i generi di akahon (赤 本), aohon (青 本), kurohon (黒 本), kibyōshi (黄 表 紙) e gōkan (合 巻); in senso stretto può riferirsi unicamente al gōkan. Kusazōshi appartiene al gruppo di opere di narrativa popolare noto come gesaku (戯 作).

Primi Kusazōshi (fino al 1775 circa)

Caratteristiche dei primi Kusazōshi

Il termine Kusazōshi di solito si riferisce a akahon, kurohon e aohon, tutti pubblicati prima del 1775.

In quel periodo le immagini erano considerate più importanti del testo. Il testo stesso è stato principalmente scritto in hiragana, sebbene compaiano anche alcuni kanji. Queste prime opere non hanno un alto valore letterario e sono spesso derivate. Tuttavia, sono spesso di interesse per gli studiosi di altri campi in quanto forniscono una visione unica della vita, dei costumi e degli interessi della gente comune del tempo.

La dimensione di Kusazōshi è indicata con il termine chūhon, simile al moderno formato di carta B6. I volumi sono costituiti da pezzi di carta piegata legati insieme e ogni pezzo di carta è noto come chō (丁).

Si pensa che questi primi lavori siano stati apprezzati da un vasto pubblico e siano stati particolarmente apprezzati da donne e bambini.

Più tardi Kusazōshi

Kibyōshi

Il kibyōshi di Koikawa Harumachi (恋 川 春 町) intitolato Kinkin Sensei Eiga no Yume (『金 々 先生 栄 花 夢』) segnò una nuova era nello sviluppo del kusazōshi. Kibyōshi si è sviluppato dal precedente aohon, e in effetti la forma dei libri di questi due generi è esattamente la stessa. Le opere di questi generi sono classificate in modo convenzionale per data di pubblicazione, con opere datate prima del 1775 considerate aohon e quelle pubblicate nel o dopo il 1775 kibyōshi .

A prima vista, Kinkin Sensei Eiga no Yume sembra essere una semplice rivisitazione della storia cinese di Lu Sheng ((廬 生), in giapponese: Rosei ), un giovane che si addormenta nella capitale Zhao di Handan e sogna di gloria ma si sveglia per scoprire che il miglio al suo capezzale non ha nemmeno iniziato a bollire. Tuttavia, alla maniera di una chiave romana al lettore, vengono dati indizi visivi e testuali sul fatto che i personaggi rappresentano in realtà figure contemporanee come l'attore kabuki Segawa Kikunojō II (瀬 川 菊 之 丞 (二世)), e la vita personale di queste figure viene parodiata .

Questo è uno sviluppo che ha cambiato profondamente il corso del genere kusazōshi, e da allora si pensa che le opere siano state sempre più lette da adulti maschi istruiti.

Gokan

Gōkan erano opere più lunghe, pubblicate tra il 1807 e il 1888.

Appunti

  1. ^ Earl Miner, Hiroko Odagari e Robert E. Morrell, The Princeton Companion to Classical Japanese Literature (286): Princeton University Press, 1985
  2. ^ Per una trascrizione in caratteri giapponesi moderni e un commento dettagliato di quest'opera, vedi: Sugiura Hinako (杉 浦 日 向 子) Edo e yōkoso (『江 戸 へ よ う こ そ』): Chikuma Bunko (ち く ま 文庫), 1989.
  3. ^ Per i dettagli su come lo sviluppo del genere è stato visto da un osservatore contemporaneo, vedere il sito Web di Matsubara Noriko sull'illustratore e scrittore kusazōshi Tomikawa Fusanobu all'indirizzo http://www.cam.hi-ho.ne.jp/noriko-matsubara
Controllo dell'autorità
  • NDL: 00567056