base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Joseph Jacobs

Joseph Jacobs (29 agosto 1854-30 gennaio 1916) fu un folclorista australiano, traduttore, critico letterario, scienziato sociale, storico e scrittore di letteratura inglese che divenne un notevole collezionista ed editore del folklore inglese.

Jacobs è nato a Sydney da una famiglia ebrea. Il suo lavoro ha continuato a divulgare alcune delle versioni più conosciute al mondo delle fiabe inglesi, tra cui "Jack e il fagiolo magico", "Riccioli d'oro e i tre orsi", "I tre porcellini", "Jack the Giant Killer" e "La storia di Tom Thumb ". Pubblicò le sue raccolte di fiabe inglesi : English Fairy Tales nel 1890 e More English Fairy Tales nel 1893, ma continuò anche dopo e in entrambi i libri a pubblicare fiabe raccolte dall'Europa continentale e favole ebraiche, celtiche e indiane che lo fecero uno dei più famosi scrittori di fiabe per la lingua inglese. Jacobs fu anche editore di riviste e libri sull'argomento folklore che includevano la modifica delle Favole di Bidpai e delle Favole di Esopo, nonché articoli sulla migrazione del folklore ebraico. Ha anche curato edizioni di The Thousand and One Nights . Ha continuato a far parte della The Folklore Society in Inghilterra ed è diventato un editore della rivista della società Folklore . Joseph Jacobs ha anche contribuito a The Jewish Encyclopedia .

Durante la sua vita, Jacobs divenne uno dei maggiori esperti del folklore inglese.

Biografia

Primi anni di vita

Jacobs nacque a Sydney, in Australia, il 29 agosto 1854. Era il sesto figlio sopravvissuto di John Jacobs, un pubblicano emigrato da Londra intorno al 1837, e sua moglie Sarah, nata Myers. Jacobs ha studiato alla Sydney Grammar School e all'Università di Sydney, dove ha vinto una borsa di studio per i classici, la matematica e la chimica. Non completò gli studi a Sydney, ma partì per l'Inghilterra all'età di 18 anni.

Jacobs ha conseguito la laurea presso il St John's College di Cambridge

Si trasferì in Inghilterra per studiare al St. John's College dell'Università di Cambridge, dove si laureò nel 1876. All'università, dimostrò un interesse particolare per la matematica, la filosofia, la letteratura, la storia e l'antropologia. Mentre era in Gran Bretagna, Jacobs divenne consapevole dell'antisemitismo diffuso; per contrastare questo, scrisse un saggio, "Mardocheo", che fu pubblicato nell'edizione di Macmillan's Magazine del giugno 1877. Nel 1877 si trasferì a Berlino per studiare letteratura e bibliografia ebraica sotto Moritz Steinschneider e filosofia ed etnologia ebraica sotto Moritz Lazarus.

Jacobs tornò in Inghilterra, dove studiò antropologia sotto Francis Galton. A questo punto, ha iniziato a sviluppare ulteriormente il suo interesse per il folklore. Dal 1878 al 1884 fu segretario della Society of Hebrew Literature. Era preoccupato per i pogrom antisemiti nell'impero russo e nel gennaio 1882 scrisse lettere sull'argomento al London Times . Ciò contribuì ad attirare l'attenzione pubblica sulla questione, portando alla formazione del Fondo e del Comitato di Mansion House, di cui fu segretario dal 1882 al 1900. Fu segretario onorario del comitato letterario e artistico dell'Esposizione storica anglo-ebraica— tenuto alla Royal Albert Hall di Londra nel 1887 e con Lucien Wolf ha compilato il catalogo della mostra.

Nel 1888 Jacobs visitò la Spagna per esaminare lì vecchi manoscritti ebraici; mentre nel paese la Royal Academy of History di Madrid lo ha eletto membro corrispondente. Nel 1891, tornò al tema dell'antisemitismo russo per un breve libro, "La persecuzione degli ebrei in Russia", che fu pubblicato prima a Londra e poi ripubblicato negli Stati Uniti dalla Jewish Publication Society of America. Nel 1896 Jacobs iniziò la pubblicazione dell'annuale Jewish Year Book, continuando la serie fino al 1899, dopo di che fu continuata da altri.

In Gran Bretagna, fu anche presidente della Jewish Historical Society.

Vita successiva

Nel 1896 Jacobs visitò gli Stati Uniti per tenere le sue lezioni su "La filosofia della storia ebraica" al Gratz College di Filadelfia e ai gruppi del Consiglio delle donne ebree a New York, Filadelfia e Chicago. Nel 1900, è stato invitato a servire come revisore editoriale per l' Enciclopedia ebraica , che includeva voci di 600 collaboratori. Si trasferì negli Stati Uniti per svolgere questo compito. Lì si è coinvolto nella American Jewish Historical Society. È diventato un membro attivo del comitato di pubblicazione della Jewish Publication Society.

Negli Stati Uniti, Jacobs ha anche insegnato al Jewish Theological Seminary of America.

Jacobs sposò Georgina Horne e generò due figli e una figlia. Nel 1900, quando divenne redattore revisore dell'Enciclopedia ebraica , con sede a New York, si stabilì definitivamente negli Stati Uniti.

Morì il 30 gennaio 1916 nella sua casa di Yonkers, New York, all'età di 62 anni.

carriera

Era uno studente di antropologia presso il laboratorio statistico presso l'University College di Londra nel 1880 sotto Francis Galton. I suoi studi in statistica ebraica: sociale, vitale e antropometrico (1891) fecero la sua reputazione come il primo sostenitore della scienza della razza ebraica.

Nel 1908 fu nominato membro del consiglio di amministrazione di sette persone, che fece una nuova traduzione inglese della Bibbia per la Jewish Publication Society of America.

Nel 1913, si dimise dal seminario per diventare redattore dell'ebraico americano .

Nel 1920, il libro I dei suoi contributi ebraici alla civiltà , che era praticamente finito al momento della sua morte, fu pubblicato a Filadelfia.

Oltre ai libri già citati, Jacobs ha curato The Fables of Aesop come prima stampa di Caxton (1889), Painter's Palace of Pleasure (1890), Baltaser Gracian's Art of Worldly Wisdom (1892), Howell's Letters (1892), Barlaam e Josaphat (1896), Le mille e una notte (6 voll, 1896) e altri. Jacobs ha anche contribuito all'Encyclopædia Britannica e all'Encyclopædia of Religion and Ethics di James Hastings.

Folclore

Illustrazione di "A Legend of Knockmany" di John D. Batten per Celtic Fairy Tales (1892)

Jacobs ha curato la rivista Folklore dal 1899 al 1900 e dal 1890 al 1916 ha curato più raccolte di fiabe che sono state pubblicate con illustrazioni di John Dickson Batten: fiabe inglesi , fiabe celtiche , fiabe indiane , fiabe inglesi , più celtiche Fairy Tales (tutti dal 1890 al 1895) e il Libro delle fate di Europa (pubblicato anche come Folkloristica europea e fiabe ) nel 1916. Fu ispirato in questo dai fratelli Grimm e dal nazionalismo romantico comune nei folcloristi della sua epoca; desiderava che i bambini inglesi avessero accesso alle fiabe inglesi, mentre leggevano principalmente racconti francesi e tedeschi; con le sue stesse parole, "Quello che Perrault iniziò, i Grimms completarono".

Sebbene abbia collezionato molte storie sotto il nome di fiabe, molte di loro sono storie insolite. Binnorie (in English Fairy Tales ) e Tamlane (in More English Fairy Tales ) sono versioni in prosa di ballate, The Old Woman and Her Pig (in English Fairy Tales ) è una filastrocca, Henny-Penny (in English Fairy Tales ) favola, e The Buried Moon (in More English Fairy Tales ) ha sfumature mitiche in misura insolita nelle fiabe. Secondo la sua analisi delle fiabe inglesi , "Delle ottantasette racconti contenuti nei miei due volumi, trentotto sono veri e propri Märchen, dieci saghe o leggende, diciannove troll, quattro storie cumulative, sei bestie e dieci storie senza senso ".

Accoglienza ed eredità

Durante la sua vita, Jacobs divenne famoso come "una delle principali autorità inglesi" del folklore e "l'autorità principale delle fiabe e della migrazione delle favole". Scrivendo nel 1954, O. Somech Philips notò che mentre Jacobs aveva realizzato molte cose nella sua vita, era come un folclorista che "la gente lo ricorda meglio".

Scrivendo il necrologio di Jacobs per l'American Jewish Year Book , Mayer Sulzberger lo definì "una delle figure importanti degli ebrei della nostra epoca", aggiungendo che era "in se stesso un tipo di umanità e universalità del popolo ebraico". Sulzberger ha elogiato lo stile letterario di Jacobs, commentando che "ha scritto con facilità e grazia" e "avrebbe potuto raggiungere un posto importante nell'illustre rotolo di onore dei meriti letterari britannici" se avesse perseguito una carriera nella letteratura. Sulzberger lo descrisse come "una natura nobile, incapace di invidiare", nonché "una sete insaziabile di conoscenza"; era "sempre pronto ad accogliere un collega inquirente".

Lavori

Sulzberger includeva un elenco dei suoi libri nel suo necrologio:

Studi ebraici e biblici

  • La questione ebraica, 1875-1884: elenco bibliografico manuale , 1885
  • Studi in statistica ebraica , 1891
  • Gli ebrei dell'Inghilterra angioina; documenti e documenti, dalle fonti latine ed ebraiche, stampati e manoscritti , 1893
  • Studi in archeologia biblica , 1894
  • Un'indagine sulle fonti della storia degli ebrei in Spagna , 1894
  • Come altri lo videro - A Retrospect AD 54 , 1895
  • Barlaam e Josaphat - English Lives of Buddha , 1896
  • L'Enciclopedia ebraica , dal 1900, come collaboratore
  • Contributi ebraici alla civiltà - una stima , 1919

Critiche e studi letterari

  • George Eliot, Matthew Arnold, Browning, Newman; saggi e recensioni dall'Ateneo , 1891
  • Tennyson e "In memoriam"; un apprezzamento e uno studio , 1892
  • Studi letterari , 1896

Favole, Fiabe e Fiabe

Come editore
  • Prima versione inglese delle favole di Bidpai , 1888, ristampa di The Morall Philosophie of Doni di Thomas North
  • Favole di Esopo , 1889, illustrato da Richard Heighway
  • Fiabe inglesi , 1890 †
  • Fiabe celtiche , 1891 †
  • Fiabe indiane , 1892 †
  • Altre fiabe inglesi , 1893 †
  • Altre favole celtiche , 1894 †
  • La storia più deliziosa di Reynard la volpe , 1895, illustrata da W. Frank Calderon
  • The Book of Wonder Voyages , 1896 †
  • Europa's Fairy Book , 1916 † - noto anche come Folk e fiabe europee
† Illustrato da John D. Batten Altro
  • La storia della scoperta geografica - Come il mondo divenne noto , 1916

Appunti

  1. ^ a b c d I registri dei giornali contemporanei mostrano che la maggior parte o tutte le collezioni di Fairy Tales sono state pubblicate in autunno per la stagione dei libri di Natale, sia in Gran Bretagna che in America. Alcuni sono generalmente catalogati come pubblicazioni dell'anno successivo, dalle loro pagine del titolo.