base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Jamia Masjid, Srinagar

Jamia Masjid, Srinagar

Jamia Masjid (Urdu: جامع مسجد سرینگر) è una moschea a Srinagar, Jammu e Kashmir, in India. Situata a Nowhatta, nel mezzo della Città Vecchia, la Moschea fu commissionata da Sultan Sikandar nel 1394 d.C. e completata nel 1402 d.C., per volere di Mir Mohammad Hamadani, figlio di Mir Sayyid Ali Hamadani, ed è considerata una delle più importanti moschee nel Kashmir. Lo stile architettonico della moschea si ispira allo stile indo-saraceno dell'architettura, che è una miscela di stili indiano e mughal e presenta anche somiglianze con le pagode buddiste. La moschea si trova nel centro cittadino, che rimane una zona centrale della vita politico-religiosa di Srinagar. Sostenuto dai musulmani ogni venerdì, è una delle principali attrazioni turistiche di Srinagar.

Architettura

Il Jamia Masjid è fortemente influenzato dallo stile indo-saraceno dell'architettura ed è stato costruito in modo persiano, con alcune somiglianze con le pagode buddiste. La struttura occupa una superficie totale di 384 x 381 piedi ed è di forma quadrangolare con quattro torrette. Questi sono nel mezzo di ogni lato e coperti con tetti piramidali. Tutte le torrette sono interconnesse da ampie sale, con papaveri giallo brillante che fiancheggiano i percorsi muschiosi di mattoni e l'intera struttura è circondata da ampie corsie su tutti e quattro i lati e ha un giardino quadrato nel mezzo. L'ingresso sul lato meridionale della moschea comprende un portico ad incasso che conduce ulteriormente su un cortile interno. Questo cortile si basa sul tradizionale piano Chaar Bagh e ha un carro armato al centro. L'intero cortile è costituito da arcate a punta, arcate in mattoni. Il cortile, che originariamente era piantato con una serie di chinar, è racchiuso da liwan ad arco (chiostri) coperti da un tetto a due falde inclinato.

Nella storia

Non è solo la religione che ha attratto il popolo dello stato alla Moschea. Il Jamia Masjid è stato un focolaio di furiosi discorsi politici sull'attuale tumulto nello stato, e la politica che si è sviluppata in Kashmir ha portato a frenare e gag le congregazioni qui. Le sue radici, tuttavia, sono più profonde nella storia. La Moschea divenne anche una piattaforma per le persone per discutere e discutere la politica del conflitto del Kashmir molto prima che scoppiasse il conflitto nella valle del Kashmir. Secondo lo storico Mohammad Ishaq Khan, “Jamia Masjid ha svolto principalmente un ruolo significativo nel impartire l'educazione religiosa. Tuttavia, con la diffusione dell'educazione moderna tra i musulmani del Kashmir, grazie agli sforzi di Mirwaiz Ghulam Rasul Shah, il Masjid iniziò a svolgere un ruolo fondamentale nella crescita della coscienza politica. Lo sceicco Muhammad Abdullah fu, infatti, iniziato a ciò che definirei i misteri della politica musulmana del Kashmir a Jamia Masjid di Mirwaiz Muhammad Yusuf Shah. "

Era Sikh (1819-1846 CE)

Per 21 anni, la Moschea ha affrontato la chiusura sotto il regime sikh del Maharaja Ranjit Singh a partire dal 1819 d.C., quando l'allora governatore, Moti Ram, ha frenato l'offerta di preghiere a Jamia Masjid. Nessuna preghiera è stata offerta e nessun invito a pregare è stato dato dalla Moschea. Fu riaperto dal governatore sikh, Ghulam Muhi-ud-Din, nel 1843, che spese quasi un lakh e mezzo di rupie per la sua riparazione. Ma per 11 anni, i sovrani hanno permesso le preghiere solo il venerdì. La moschea sarebbe stata aperta per poche ore il venerdì e chiusa di nuovo.

13 luglio 1931

I martiri del 13 luglio 1931 furono portati a Jamia Masjid dopo che la polizia aprì il fuoco e 22 persone furono uccise e centinaia ferite. I corpi dei martiri furono deposti nel complesso del santuario di Khawaja Naqashband Sahab RA Khawaja Bazar Srinagar dove lo sceicco Abdullah, Mirwaiz Maulvi Muhammad Yusuf Shah e altri leader iniziarono a tenere discorsi contro Maharaja Hari Singh.

Post 1947

La chiusura prolungata della Moschea è tornata in vigore dal 2008, quando è scoppiata la fila di terre di Amarnath. La decisione del governo di Omar Abdullah di impedire alle persone di offrire preghiere del venerdì per settimane insieme ha portato a un enorme sdegno. Il divieto delle congregazioni religiose nel 2008 è stato visto come un tentativo di soffocare la ribellione il cui epicentro era il focolaio dei leader separatisti, le aree della città vecchia, in particolare attorno a Jamia Masjid. Durante il Mehbooba Mufti guidato dal governo della coalizione BJP-PDP, la Moschea è stata di nuovo "bloccata per tre mesi nella rivolta del 2016 e nel 2017 per la prima volta anche la congregazione di Jumat-ul-Vida durante il Ramadan non è stata autorizzata e nel 2018 per 16 Il venerdì, le preghiere erano vietate alla Moschea ".

Il complesso

Sui lati occidentale e orientale, la Moschea è lunga 116 m (381 piedi) mentre i lati settentrionale e meridionale sono lunghi 117 m (384 piedi). Il cortile interno misura 114 m (114 m) x 110 m (370 piedi) con un serbatoio d'acqua di 10 m (10 m) x 34 piedi (33 piedi) con una fontana che scorre al centro. Pertanto, l'area spaziale della moschea è di 13.600 m2. Le sue pareti fatte di mattoni bruciati hanno uno spessore di 1,2 m. La parte inferiore delle pareti è fatta di pietre rettangolari. Ci sono tre grandi porte d'ingresso sui lati nord, sud e est della Moschea che si affacciano su tre torrette in piedi su alte colonne di legno di deodar. Il lato orientale ha un grande ingresso chiamato Shah Gate che è coperto da un tetto piramidale sormontato da un padiglione quadrato (brangh) con una guglia in cima. Un totale di 378 colonne di legno sostengono il tetto. Ogni torretta è supportata da otto alti pilastri alti 48 piedi (15 m) e 6 piedi (1,8 m) di circonferenza. Anche il mihrab ha una torretta simile su di esso. L'interno rimanente della Moschea ha 346 colonne alte 21 piedi (6,4 m) e 5 piedi (1,5 m) di circonferenza. Inizialmente il tetto era coperto di corteccia di betulla e argilla. La parete occidentale del chiostro ha un mihrab in marmo nero del Kashmir che è adornato da un bellissimo lavoro calligrafico e ha inciso novantanove attributi di Onnipotente Allah. La Moschea può contenere 33.333 persone oltre all'Imam in un'unica congregazione di preghiera.

Per raggiungere il tetto della moschea, le pareti delle quattro torrette hanno scale interne a forma circolare che terminano nei salotti di ciascuna torretta. La città di Srinagar può essere vista da queste alte torrette. Il tetto è realizzato in legno e barre di ferro. La corteccia di betulla sul tetto è ora sostituita da fogli di ferro ondulato. Il cortile interno della Moschea ha una fontana d'acqua, che viene utilizzata per l'abluzione, con quattro prati intorno decorati con alberi chinar. Il serbatoio dell'acqua nel cortile era originariamente alimentato da un canale d'acqua noto come Lachma Kual .

ricostruzioni

La moschea è stata soggetta a molta distruzione fino ad oggi a causa del danno causato dagli incendi. La moschea è stata parzialmente o completamente distrutta da incendi devastanti tre volte, ma è stata restaurata dopo ogni disastro. La costruzione esistente fu eretta dall'imperatore Aurangzeb Alamgir nel 1672 d.C. Le ricostruzioni e le principali ristrutturazioni nella storia della moschea sono state condotte da:

  • Sultan Sikandar (1389-1413 d.C.) nel 1394 d.C. (796 AH): il Sultano commissionò la costruzione della Moschea nel 1394 d.C. e fu completata nel 1402 d.C.
  • Sultan Hasan Shah (1472-1484 d.C.) nel 1480 d.C. (885 AH): il primo incendio che lo danneggiò fu nel 1479, e l'allora sovrano, Sultan Hasan Shah, iniziò immediatamente i lavori di ricostruzione. Morì prima che il lavoro di riparazione fosse completato e l'incarico fu assunto da Ibrahim Magre, il comandante in capo delle forze del Kashmir sotto il dominio di Muhammad Shah e Fateh Shah e lo completò nel 1503 d.C.
  • Jehangir (1605-1627 d.C.) nel 1620 d.C. (1083 AH): dopo aver affrontato un'altra distruzione fatale a causa di un incendio durante la supremazia dell'imperatore Mughal Jehangir, la moschea fu ricostruita sotto un architetto-storico con sede nel Kashmir, vale a dire, Malik Haider di Tsodur. L'intero lavoro di riparazione ha richiesto 17 anni per essere completato.
  • Aurangzeb Aalamgir (r. 1658-1707 CE) nel 1672 CE: il terzo incendio che ha distorto la struttura è stato durante il regno di Aurangzeb. Si dice che quando Aurangzeb venne a conoscenza dell'incidente, chiese solo se i chinar fossero al sicuro, poiché "la Moschea poteva essere ricostruita in breve tempo. Un chinar adulto non può mai essere sostituito. " Riunì tutti i muratori e i muratori della città e Jamia Masjid fu restaurata entro tre anni.

Pertinentemente, durante il suo regno, Sultan Zain-ul-Abidin (1420-1470 d.C.) estese la moschea e costruì una torretta nella struttura primaria. Gli ultimi lavori di restauro furono eseguiti sotto il regno di Maharaja Pratap Singh (1885-1925 d.C.). Singh ha incoraggiato con entusiasmo la ricostruzione della Moschea molte volte e ha persino offerto assistenza finanziaria. Tuttavia, tutti i lavori di ristrutturazione sono stati effettuati per riflettere l'architettura originale e conservare il valore storico della Moschea che ha attraversato nei secoli.

Manutenzione

Jamia Masjid rientra nel dominio di Anjuman-e-Auqaf , un'impresa privata. Il consiglio di amministrazione della moschea fu costituito nel 1975. La principale fonte di entrate proviene dall'affitto di 278 negozi (di proprietà dell'Auqaf ) intorno alla moschea e da altre fonti di finanziamento pubblico. Le entrate non sono fisse e variano ogni anno. Prima dell'inizio dell'Auqaf , le entrate per la Moschea provenivano da cittadini d'élite dello Stato. Per il benessere della moschea, INTACH ha recentemente assunto le redini della ristrutturazione.

Profanazione

Il 28 dicembre 2018, un gruppo di giovani mascherati ha fatto irruzione nella Moschea con le bandiere dell'ISIS venerdì, dopo le preghiere della congregazione, quando la Moschea era quasi vuota. Gli uomini furono cacciati dai devoti presenti. Il giorno successivo un video dell'incidente è diventato virale sui social media. È stato riferito che dopo che Mirwaiz Umar Farooq ha pronunciato il sermone del venerdì alla Moschea " , un gruppo di uomini mascherati ha fatto irruzione nella moschea e si è precipitato sul pulpito dove il Mirwaiz ha tenuto il sermone. Uno di loro era in piedi sul pulpito con le scarpe, slogan urlanti ". L'incidente ha provocato la condanna da parte del comitato di gestione della Moschea e dei separatisti. La JRL sosteneva che "questo era un esempio di alcuni elementi che deviavano il loro giusto movimento cambiando la sua natura e il suo carattere di base con la scusa di purificare un programma globale". L'incidente è stato anche condannato da Jamaat-e-Islami, Kashmir Economic Alliance, Lega musulmana, Lashkar-e-Taiba, Mehbooba Mufti e Saifuddin Soz, tra gli altri.

Osservando la 'Giornata della purificazione' (Yaum-e-Tat'heer) il 2 gennaio 2019, Mirwaiz Umar Farooq ha condotto un percorso di pulizia del pulpito della Moschea, dove i sostenitori dell'ISIS avevano sventolato bandiere nere e hanno anche sollevato slogan a sostegno del califfato . Il venerdì seguente (4 gennaio 2019) è stato osservato come un giorno d'onore (Yaum-e-Taqaddus) per ribadire l'importanza e la santità della moschea.