base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

James Villiers

James Michael Hyde Villiers (29 settembre 1933 - 18 gennaio 1998) era un attore personaggio inglese e un volto familiare della televisione britannica. Villiers è stato particolarmente memorabile per la sua voce piacevole e la sua articolazione matura. Gli è stato attribuito il merito di aver originato l'uso della parola "luvvie" per descrivere i membri della professione di attore.

sfondo

Villiers è nato a Londra, figlio di Eric Hyde Villiers e Joan Ankaret Talbot; si è formato al Wellington College, nel Berkshire e alla Royal Academy of Dramatic Art, laureandosi nel 1953. Il "gentiluomo Jim" Villiers (pronunciato Villers ) proveniva da una classe superiore, nipote di Sir Francis Hyde Villiers e pronipote di George Villiers, 4º conte di Clarendon; sua madre era discendente del conte Talbot. La sua discendenza aristocratica si rifletteva spesso nei tipi di ruolo che interpretava, come il re Carlo II nella serie della BBC The First Churchills (1969), il conte di Warwick a Saint Joan (1974) e sul palco come Lord Thurlow in The Madness di Giorgio III.

Tramite suo padre, Villiers era un parente di Thomas Hyde Villiers, Charles Pelham Villiers, Henry Montagu Villiers e l'ex segretario di Stato per l'Irlanda del Nord Theresa Villiers. Tramite sua madre, era in lontananza imparentato con Charles Chetwynd-Talbot, 22º conte di Shrewsbury.

carriera

Villiers fece il suo debutto nel 1958 e apparve in molti film britannici nel corso degli anni, tra cui The Damned di Joseph Losey (noto anche come These Are the Damned ), girato nel 1961 ma non uscito fino al 1963; Seth Holt's The Nanny (1965), Joseph Andrews (1977), For Your Eyes Only (1981), The Scarlet Pimpernel (1982), Mountains of the Moon (1990) e The Tichborne Claimant (1998), insieme a numerosi altri progetti. Si è spesso specializzato nel giocare a cattivi freddi, piuttosto effeti.

Ha interpretato il ruolo del colonnello Hensman nell'adattamento televisivo di Brendon Chase ed è stato ascoltato su BBC Radio 4 come voce di Roderick Spode in The Code of the Woosters e in molti altri adattamenti delle storie di Jeeves di PG Wodehouse, con Michael Hordern e Richard Brier. Nel 1978 l'adattamento televisivo di The Famous Five Villiers recitò la parte dell'antagonista Johnson.

Vita privata

Nicholas Whittaker, autore di Platform Souls e Blue Period , ha lavorato nella Belsize Tavern nel 1979 e nel 1980 e afferma di ricordare le visite di Villiers al pub in compagnia dell'attore locale Ronald Fraser. Dopo l'orario di chiusura, la coppia si trovava spesso nel ristorante della birra e del curry di fronte. Rupert Everett afferma anche di averlo incontrato in un ristorante indiano, qualche volta nel 1985, "ubriaco senza gambe, ordini in forte espansione e insulti al povero cameriere di lunga durata in uno strano vibrato e fiato che era stato lanciato per il cerchio superiore". Altrove, Villiers è descritto come un "grande bevitore" che ha partecipato a gare di bevute con il suo amico Peter O'Toole.

Villiers si sposò due volte: nel 1966 con Patricia Donovan (matrimonio sciolto nel 1984) e nel 1994 con Lucy Jex; il suo secondo matrimonio è durato fino alla sua morte. Lui e la sua prima moglie adottarono un figlio, Alan Michael Hyde Villiers (nato Alan Donovan).

James Villiers è morto il 18 gennaio 1998 ad Arundel, nel Sussex, per cancro.

Filmografia selezionata

  • Carry On Sergeant (1958) come settima recluta
  • The Clue of the New Pin (1961) nel ruolo di Tab Holland
  • Bomb in the High Street (1961) nel ruolo di Stevens
  • Petticoat Pirates (1961) come tenente inglese
  • Operation Snatch (1962) nel ruolo del tenente Keen
  • Eva (1962) nel ruolo di Alan McCormick - sceneggiatore
  • The Damned (1963) nel ruolo del Capitano Gregory
  • Murder at the Gallop (1963) nel ruolo di Michael Shane
  • Girl in the Headlines (1963) nel ruolo di David Dane
  • Anche Padre è venuto! (1963) come Benzil Bulstrode
  • Nothing But the Best (1964) nel ruolo di Hugh
  • King & Country (1964) nel ruolo del Capitano Midgely
  • Daylight Robbery (1964)
  • Repulsione (1965) come John
  • Quei magnifici uomini nelle loro macchine volanti (1965) nei panni di Yamamoto (voce, non accreditato)
  • The Alphabet Murders (1965) nel ruolo di Franklin
  • Stai scherzando! (1965) nel ruolo di Bill Simpson
  • The Nanny (1965) nel ruolo di Bill Fane
  • The Wrong Box (1965) nel ruolo di Sydney Whitcombe Sykes
  • Sword of Honor BBC TV (1967) nel ruolo di Ian Kibannock
  • Half a Sixpence (1967) nel ruolo di Hubert
  • The Touchables (1968) nel ruolo di Twyning
  • Some Girls Do (1969) nel ruolo di Carl Petersen
  • Otley (1969) nel ruolo di Hendrickson
  • A Nice Girl Like Me (1969) nel ruolo di Freddie
  • Blood from the Mummy's Tomb (1971) nel ruolo di Corbeck
  • The Ruling Class (1972) nel ruolo di Dinsdale Gurney
  • Asylum (1972) nel ruolo di George (segmento: "Lucy Comes to Stay")
  • Seguimi! (1972) come Dinner Guest (non accreditato)
  • The Amazing Mr. Blunden (1972) nel ruolo di Zio Bertie
  • Ghost in the Noonday Sun (1973) nel ruolo di Prezzemolo-Freck
  • Seven Nights in Japan (1976) nel ruolo di Fin
  • Spectre (1977) nel ruolo di Sir Geoffrey Cyon
  • Joseph Andrews (1977) nel ruolo di Mr. Boody
  • Saint Jack (1979) nel ruolo di Frogget
  • The Music Machine (1979) nel ruolo di Hector Woodville (non accreditato)
  • Solo per i tuoi occhi (1981) nel ruolo di Bill Tanner
  • The Scarlet Pimpernel (1982) nel ruolo di Baron de Batz
  • Mantrap (1983) nel ruolo di Tony Walmsley
  • Under the Volcano (1984) come Brit
  • Running Out of Luck (1987)
  • Scandalo (1989) come deputato conservatore
  • Mountains of the Moon (1990) nel ruolo di Lord Oliphant
  • King Ralph (1991) nel ruolo del Primo Ministro Geoffrey Hale
  • Let Him Have It (1991) come Cassels
  • Scoperto (1994) come Montegrifo
  • E = mc2 (1996) come Dr. James Mallison
  • The Tichborne Claimant (1998) nel ruolo di Zio Henry