base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Gwen Harwood

Gwen Harwood AO (8 giugno 1920 - 4 dicembre 1995), nata Gwendoline Nessie Foster , era una poetessa e librettista australiana. Gwen Harwood è considerato uno dei migliori poeti dell'Australia, che pubblica oltre 420 opere, tra cui 386 poesie e 13 libretti. Ha vinto numerosi premi e premi di poesia e uno dei premi di poesia più significativi dell'Australia, il Gwen Harwood Poetry Prize prende il nome da lei. Il suo lavoro è comunemente studiato nelle scuole e nei corsi universitari.

Gwen Harwood era la madre dell'autore John Harwood.

Vita

È nata a Taringa, un sobborgo di Brisbane. Ha frequentato la Brisbane Girls 'Grammar School ed era organista presso All Saints' Church quando era giovane. Ha completato un diploma di insegnante di musica e ha anche lavorato come dattilografa presso la War Damage Commission dal 1942. All'inizio della sua vita, ha sviluppato un interesse per la letteratura, la filosofia e la musica.

Sposò il linguista Bill Harwood nel settembre del 1945, poco dopo si trasferirono a Oyster Cove, a sud di Hobart, quando fu nominato professore all'Università della Tasmania. Qui ha sviluppato il suo interesse permanente per l'opera del filosofo Ludwig Wittgenstein "che informa tutta la sua opera".

Suo padre suonava il piano, il violino, la chitarra e il flauto. Sia Gwen che suo fratello ricevettero lezioni di piano, e originariamente Gwen voleva essere un musicista. La nonna di Gwen l'ha introdotta alla poesia; questo la ispirò e divenne la sua vocazione e passione per tutta la vita.

Carriera letteraria

Gwen Harwood aveva scritto poesie per molti anni e la sua prima poesia fu pubblicata su Meanjin nel 1944, ma il suo lavoro non iniziò ad apparire regolarmente su riviste e libri fino agli anni '60. Il suo primo libro di poesie, intitolato Poems , fu pubblicato nel 1963, seguito nel 1968 da Poems Volume II . Altri libri includono The Lion's Bride (1981), Bone Scan (1988) e The Present Tense (1995). Esistono anche diverse versioni di Selected Poems , tra cui una di Penguin nel 2001.

Harwood ha usato una serie di pseudonimi nei suoi primi lavori, come Walter Lehmann , WW Hagendoor (un anagramma del suo nome), Francis Geyer , Timothy (TF) Kline , Miriam Stone e Alan Carvosso . La maggior parte delle sue poesie presentate per la pubblicazione sotto il proprio nome furono inizialmente respinte. Il direttore di Meanjin , CB Christesen, una volta respinse una poesia di Harwood ma usò un'espressione ("l'ombra lentigginosa") come titolo di una delle sue stesse poesie. Nel 1961 The Bulletin accettò un sonetto dal suo alter ego Walter Lehmann, ma solo dopo che fu pubblicato fu portato all'attenzione dell'editor, Donald Horne, che le lettere iniziali di ogni riga formavano la frase "FUCK ALL EDITORS". Dopo questo, ha trovato un'accettazione molto maggiore.

Ha anche scritto libretti per compositori come Larry Sitsky, James Penberthy, Don Kay e Ian Cugley.

Nel corso degli anni ha collaborato con diversi amici poeti, tra cui Vincent Buckley, AD Hope, Vivian Smith e Norman Talbot, nonché familiari e altri amici come Tony Riddell, e sono stati pubblicati due volumi delle sue lettere. Ha servito come presidente della Filiale della Tasmania della Fellowship of Australian Writers.

La sua poesia è stata utilizzata da molti studenti che stanno completando il Higher School Certificate (HSC) nel Nuovo Galles del Sud, Australia, dagli studenti del Victorian Certificate of Education (VCE) a Victoria, in Australia, dall'International Baccalaureate (IB) in Australia, e dagli studenti del Western Education Certificate (WACE) in Western Australia, Australia.

Temi e stile letterario

La poesia di Harwood ha temi ricorrenti di maternità e il ruolo soffocato delle donne, in particolare quelle delle giovani madri. La sua poesia "Nel parco" ha stabilito una certa reputazione femminista ma altre delle sue poesie trattano la maternità in un modo più complesso e sfumato. La musica è un altro motivo ricorrente. Il paesaggio della Tasmania e l'espropriazione aborigena di quel paesaggio, formano un altro tema in gran parte della sua scrittura. Ha anche scritto una serie di poesie con personaggi ricorrenti, due dei quali più noti sono il professor Eisenbart e Kröte. Molte delle sue poesie includono anche riferimenti biblici e allusioni religiose.

Lo stile e la tecnica della poesia di Harwood ha portato molte delle sue opere a essere impiegate dal Board of Studies del New South Wales come testi prescritti per il certificato di scuola superiore. Il focus principale del corso di inglese è posto sull'analisi dei temi espressi nella poesia di Harwood e su come tali temi siano rilevanti nella società moderna. Il suo lavoro è anche usato come testo per il certificato di istruzione vittoriano e per i corsi di letteratura sul certificato di istruzione dell'Australia occidentale nella sezione poesia per il suo valore letterario e temi complessi.

Premi

  • 1958: Premio Meanjin Poetry
  • 1959: Premio di poesia Meanjin
  • 1975: Premio Grace Leven per la poesia
  • 1977: Robert Frost Medallion (ora noto come Christopher Brennan Award)
  • 1978: Patrick White Award
  • 1980: The Age Book of the Year Award Book of the Year e Premio di saggistica per Blessed City
  • 1988: Università della Tasmania D.Litt
  • 1989: ufficiale dell'Ordine dell'Australia (AO)
  • 1989: Victorian Premier's Literary Award per Bone Scan
  • 1990: Premio JJ Bray
  • 1994: dottorato onorario all'Università del Queensland
  • 1994: dottorato onorario all'Università La Trobe
  • 2005: Rotolo d'Onore della Tasmania in onore del servizio artistico

Bibliografia

Poesia

  • Poems (1963)
  • Poems Volume Two (1968)
  • The Lion's Bride (1981)
  • Bone Scan (1988)
  • Il tempo presente

Lettere

  • Città benedetta: Lettere a Thomas Riddell 1943 , ed. Alison Hoddinott (Angus & Robertson, 1990) ISBN 0-207-16587-4
  • Una costante tempesta di corrispondenza: lettere selezionate di Gwen Harwood 1943–1995 , ed. Gregory Kratzmann (UQP, 2001) ISBN 0-7022-3257-2

citazioni

  1. ^ a b c Tono d'Onore Tasmaniano delle Donne Archiviato il 31 marzo 2011 presso la Wayback Machine
  2. ^ a b c Wilde, Hooton e Andrews (1994) p. 349
  3. ^ Barry Oakley, "Poeta pugnace", recensione di Selected Letters of Gwen Harwood , Weekend Australian , Libri, 29-30 dicembre 2001, p. R11
  4. ^ È un onore - Ufficiale dell'Ordine dell'Australia