base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Greta Gynt

Greta Gynt (15 novembre 1916 - 2 aprile 2000), nata Margrethe Woxholt , era una cantante, ballerina e attrice norvegese. È ricordata per i suoi ruoli da protagonista nei film classici britannici The Dark Eyes of London , Mr. Emmanuel , Take My Life , Dear Murderer e The Ringer .

Ha recitato in ruoli secondari in film britannici minori negli anni '30 e nei primi anni '40, e alla fine degli anni '40 è apparsa in film importanti. La Rank Organization cercò di commercializzarla come l'inglese Jean Harlow. Ha anche tentato una carriera senza successo negli Stati Uniti, in modo assurdamente errato in Soldiers Three di MGM come una bionda platino con il seno inventato, e poi è tornata in Gran Bretagna.

I suoi film più famosi sono il film di Bela Lugosi del 1939 The Dark Eyes of London nei panni dell'eroina dura, eroica come leader sotterraneo in Tomorrow We Live , toccante nei panni dell'ebrea Elsie Silver in Mr. Emmanuel (1944), potente come la moglie fedele che dimostra il marito l'innocenza nel thriller Take My Life , un promiscuo assassino in Dear Murderer , entrambi nel 1947, e come cantante di una discoteca cantando "The Shady Lady Spiv" in Easy Money (1948).

Biografia

Primi anni di vita

Greta Gynt è nata Margrethe Woxholt a Oslo, in Norvegia. Da bambina, si trasferì con i suoi genitori in Gran Bretagna e iniziò le lezioni di danza all'età di 5 anni. Alla fine, tornarono in Norvegia. All'età di 12 anni, ha iniziato come ballerina agli spettacoli Chat Noir di Oslo.

Dopo il film svedese Sången fino a Henne (1934), sua madre, la costumista Kirsten Woxholt, pensò che Gynt avrebbe avuto più fortuna in Gran Bretagna. Ricevette una lettera di raccomandazione da Fox Film e tornò nel Regno Unito.

Sposta nel Regno Unito

Gynt ebbe un ruolo secondario in It Happened a Parigi (1935) e uno più grande in Boys Will Be Girls (1937) e The Last Curtain (1938). Era in Second Best Bed (1938), una farsa di Tom Walls; The Last Barricade (1938); Sexton Blake and the Hooded Terror (1938) con Tod Slaughter; Too Dangerous to Live (1939); e non poteva dire di no (1939).

Gynt era la protagonista femminile in The Arsenal Stadium Mystery (1939); The Dark Eyes of London (1939) con Bela Lugosi; Bulldog Sees It Through (1940) e The Middle Watch (1940) con Jack Buchanan; Due per pericolo (1940) con Barry K. Barnes; Room for Two (1940) con Vic Oliver; e Crook's Tour (1940) con Basil Radford e Naunton Wayne.

Ha continuato con ruoli da protagonista in The Common Touch (1941); Tomorrow We Live (1943); It's That Man Again (1944) con Tommy Handley; e Mr. Emmanuel (1944) con Felix Aylmer.

Gynt ha supportato Sid Field a London Town (1946), un famoso flop con budget limitato.

divismo

A Gynt sono stati assegnati ruoli da protagonista nei film polizieschi Dear Murderer (1947) e Take My Life (1947). È stata premiata nella commedia Easy Money (1948) e nel dramma The Calendar (1948).

Per un certo periodo era sotto contratto personale con Robert Siodmak.

Gynt era anche in Mr. Perrin e Mr. Traill (1949) e Shadow of the Eagle (1950); in seguito ha citato in giudizio con successo i produttori di quest'ultimo per denaro dovuto. Ha supportato George Raft in I Get You for This (1951), in parte girato in Italia.

I suoi film britannici hanno iniziato ad essere regolarmente proiettati alla televisione americana. Ciò la portò a ricevere un'offerta da MGM per recitare in Soldiers Three .

Tornato in Gran Bretagna, Gynt tornò al film "B": Whispering Smith Hits London (1952), The Ringer (1952), I'm a Stranger (1953), Three Steps in the Dark (1954), Forbidden Cargo (1954), Devil's Point (1954), See How They Run (1955), The Blue Peter (1955) e My Wife's Family (1956).

Ha avuto una parte di supporto in Fortune Is a Woman (1957) e la protagonista in Morning Call (1957) e The Crowning Touch (1959).

Gynt ha avuto un ruolo di supporto in Ten Honeymoons di Bluebeard (1959).

Il suo ultimo film è stato un film della Columbia Pictures, The Runaway 1963 (uscito nel 1966) in cui interpretava il ruolo principale.

Vita privata

Secondo quanto riferito, ha adottato il nome Gynt dopo aver sentito un pianista suonare la Peer Gynt Suite di Edvard Grieg in un hotel a Londra alla fine degli anni '30. Nella sua intervista radiofonica del 1938 con NRK afferma che suo marito ha esclamato "Cos'è questo?" e il suo nome è nato.

Gynt è stato sposato quattro volte. Il suo ultimo marito fu Frederick Moore, un chirurgo plastico, che morì nel 1983. Si ritirò semi-in pensione dopo averlo sposato ed era fuori dai riflettori pubblici verso la metà degli anni '60. Era la sorella del fotografo della seconda unità Egil "Gil" Woxholt (1926–1991), che ha fotografato scene nel film del 1965 The Heroes of Telemark , On Her Majesty's Secret Service , A View to a Kill e molti altri.

Filmografia

  • Sången till henne (1934) (con il nome Greta Woxholt)
  • È successo a Parigi (1935)
  • Boys Will Be Girls (1937)
  • The Last Curtain (1937)
  • Second Best Bed (1938)
  • The Last Barricade (1938)
  • Sexton Blake and the Hooded Terror (1938)
  • Too Dangerous to Live (1939)
  • Non poteva dire di no (1939)
  • The Arsenal Stadium Mystery (1939)
  • The Dark Eyes of London (1939)
  • Bulldog Sees It Through Through (1939)
  • The Middle Watch (1940)
  • Two for Danger (1940)
  • Room for Two (1940)
  • Crook's Tour (1941)
  • The Common Touch (1941)
  • Tomorrow We Live (1943)
  • It's That Man Again (1943)
  • Mr. Emmanuel (1944)
  • London Town (1946)
  • Dear Murderer (1947)
  • Take My Life (1947)
  • Easy Money (1948)
  • Il calendario (1948)
  • Mr. Perrin e Mr. Traill (1948)
  • Shadow of the Eagle (1950)
  • Ti prenderò per questo (1951)
  • The Rival of the Empress (1951)
  • Soldiers Three (1951)
  • Whispering Smith Hits London (1952)
  • The Ringer (1952)
  • I'm a Stranger (1952)
  • Three Steps in the Dark (1953)
  • The Last Moment (1954)
  • Destination Milan (1954)
  • Forbidden Cargo (1954)
  • Devil's Point (1954)
  • Born for Trouble (1955)
  • Guarda come corrono (1955)
  • The Blue Peter (1955)
  • My Wife's Family (1956)
  • La fortuna è una donna (1957)
  • Morning Call (1957)
  • The Crowning Touch (1959)
  • The Witness (1959)
  • Bluebeard's Ten Honeymoons (1960)
  • The Runaway (1963)