base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Francisco de Osuna

Francisco de Osuna

Francisco of Osuna , OFM (1492 o 1497 - c.1540), fu un frate francescano spagnolo e autore di alcune delle opere più influenti sulla spiritualità in Spagna nel XVI secolo.

Il suo libro Il terzo alfabeto spirituale ha influenzato Santa Teresa di Gesù. È considerato un capolavoro del misticismo francescano. La sua premessa nel libro è che l'amicizia e la comunione con Dio sono possibili in questa vita purificando la propria coscienza, entrando nel proprio cuore, riposando nella quiete amorevole e poi elevandosi sopra il cuore a Dio solo.

Vita

Primi anni di vita

Francesco nacque nel villaggio di Osuna, nella provincia di Siviglia, nel 1492 o nel 1497 (lui stesso non era sicuro), da poveri contadini i cui nomi non sono stati registrati. Nei suoi scritti, ha descritto i suoi antenati come a lungo al servizio dei Conti di Ureña. Lo stesso Francesco entrò in servizio militare durante l'adolescenza, nel corso del quale vide l'azione alla conquista di Tripoli (25 agosto 1510) da parte della Spagna sotto Pedro Navarro, conte di Oliveto.

Dopo il suo ritorno in Spagna dalla campagna, Francisco scelse di intraprendere una carriera nella Chiesa. A tal fine si iscrisse all'Università di Siviglia, dove studiò latino e retorica. Poco dopo, partì con un amico in pellegrinaggio al grande santuario di San Giacomo il Maggiore a Santiago de Compostella. Nel corso di questo viaggio, secondo il suo resoconto, apparentemente ha avuto un'esperienza religiosa. Completò i suoi studi nel 1513, dopodiché ricevette l'abitudine del ramo dell'Osservatorio dell'Ordine dei Frati Minori, con la Provincia di Castiglia. Questo fu un movimento di riforma nell'Ordine che divenne poi molto diffuso in Spagna, che cercò di ristabilire il primato della preghiera e della vita povera come praticato dal loro santo fondatore, San Francesco d'Assisi.

Frate

Francisco emise la professione di voti religiosi nel 1514, sotto il leader riformista, Francisco de Quiñones, vicario della provincia e successivamente ministro generale di tutto l'Ordine. Riprese quindi gli studi, prima presso la Casa della filosofia della provincia di Torrelaguna (1514-1518), seguiti da studi teologici all'Università Complutense, poi ancora ad Alcalá (1518-1522). Lì ha padroneggiato le tre scuole di teologia insegnate ai suoi tempi, vale a dire, lo scotismo, lo scolasticismo e il nominalismo di Gabriel Biel.

Nel 1523, Osuna entrò nella casa di ritiro Salceda, vicino a Guadalajara, una delle otto case di ritiro nella provincia di Castiglia. Era una casa isolata, abbastanza grande da ospitare fino a 24 religiosi e con cinque eremi nelle colline circostanti, in modo da poter trascorrere fino a una settimana in perfetto isolamento.

La vita di Osuna era strettamente regolata e dedicata alla preghiera e alla meditazione. Come parte di questo, ha esercitato il ricordo. Per sviluppare la sua vita interiore di preghiera, formulò le massime come guida per la meditazione, che organizzò in ordine alfabetico. Ha composto tre di questi alfabeti. Il Tercer Abercedario (1527), il Primero (1528), il Segundo , Cuarto o Ley de amor, Gracioso convite (1530), Norte de estados (1531).

Alla fine del 1536 o all'inizio del 1537, Osuna tornò in Spagna. In questi anni compose il quinto alfabeto e il sesto alfabeto. Tra il 1537 e il 1540, il Primo, il Secondo e il Terzo Alfabeto e il convito Gracioso furono rieditati, anche se non è chiaro se lo stesso Osuna fosse coinvolto in questo processo. Morì ad un certo punto tra la fine del 1540 e il 31 marzo 1542. Una nota in una nuova edizione del Quinto alfabeto, datata 31 marzo 1542, avvisò i lettori della morte di Osuna.

Insegnante mistico

Infatti, Osuna fu l'autore spirituale più letto in Spagna tra il 1527 e il 1559. Le sue opere spagnole emersero in 40 edizioni e le sue opere latine in 23 edizioni. Il Terzo Alfabeto Spirituale fu iniziato a Salceda e probabilmente terminato ad Escalona, ​​dove si ritiene che Osuna trascorse del tempo tra il 1526 e il 1530; fu pubblicato per la prima volta nel 1527 a Toledo. La popolarità dell'opera è dimostrata dal fatto che ha goduto di diverse edizioni nei decenni successivi (1527, 1537, 1544, 1554, 1555, 1638, 1911). Escludendo lo studio di Osuna di Fidèle Ros (1936), la maggior parte degli studi è stata parziale. L'edizione standard in lingua spagnola del Terzo Alfabeto Spirituale è quella di Miguel Mir (Madrid, 1911), ma contiene numerosi errori e importanti omissioni, in parte perché si basa sull'edizione 1544 di Burgos, non sull'edizione originale di Toledo del 1527 - circa Sono state omesse 50 righe di testo e numerose parole sono errate come parole diverse. Un'edizione del 1972, basata sul testo del 1527, tentò di correggere questo problema.

Bibliografia

  • Francisco de Osuna, terzo alfabeto spirituale (New York / Londra: Paulist Press / SPCK, 1981), ISBN 0-8091-2145-X
  • Francisco de Osuna, Tercer Abecedario espiritual , estudio histórico y edición crítica por Melquíades Andrés, (Madrid: Biblioteca de Autores Cristianos, 1972)
  • Fidèle de Ros, Le Pére François d'Osuna. (Un maître de Sainte Thérèse.) Sa vie, son œuvre, sa dottrine spirituelle , (Paris, 1936)

fonti

  1. ^ Peers, E. Allison (2002). I mistici della Spagna . Mineola, New York: Dover Publications. p. 57. ISBN 0-486-42501-0.
  2. ^ Teresa d'Avila, Vita
  3. ^ Egan, Harvey D., SJ (1991). Un'antologia di misticismo cristiano (2a ed.). Collegeville, Minnesota: The Liturgical Press. p. 413. ISBN 0-8146-6012-6.
  4. ^ a b c "Francisco de Osuna". Enciclopedia franciscana (in spagnolo).
  5. ^ Francisco de Osuna, The Third Spiritual Alphabet , trans Mary E Giles, (New York: Paulist Press; London: SPCK, 1981), p3. Questo è noto dal riferimento stesso di Osuna ad esso in un sermone che predicava, pubblicato nel 1533.
  6. ^ Francisco de Osuna, The Third Spiritual Alphabet , trans Mary E Giles, (New York: Paulist Press; London: SPCK, 1981), p6. Questo è indicato nel quinto alfabeto spirituale di Osuna.
  7. ^ Francisco de Osuna, The Third Spiritual Alphabet , trans Mary E Giles, (New York: Paulist Press; London: SPCK, 1981), p6
  8. ^ Francisco de Osuna, Tercer Abecedario espiritual , estudio histórico y edición crítica por Melquíades Andrés, (Madrid: Biblioteca de Autores Cristianos, 1972), p6
  9. ^ Francisco de Osuna, Tercer Abecedario espiritual , estudio histórico y edición crítica por Melquíades Andrés, (Madrid: Biblioteca de Autores Cristianos, 1972), p15
  10. ^ Francisco de Osuna, Tercer Abecedario espiritual , estudio histórico y edición crítica por Melquíades Andrés, (Madrid: Biblioteca de Autores Cristianos, 1972), p18
  11. ^ a b Francisco de Osuna, Tercer Abecedario espiritual , estudio histórico y edición crítica por Melquíades Andrés, (Madrid: Biblioteca de Autores Cristianos, 1972), p21
  12. ^ Francisco de Osuna, Tercer Abecedario espiritual , estudio histórico y edición crítica por Melquíades Andrés, (Madrid: Biblioteca de Autores Cristianos, 1972), p.xiii
  13. ^ Francisco de Osuna, The Third Spiritual Alphabet , trans Mary E Giles, (New York: Paulist Press; London: SPCK, 1981), p8.
  14. ^ a b Francisco de Osuna, Tercer Abecedario espiritual , estudio histórico y edición crítica por Melquíades Andrés, (Madrid: Biblioteca de Autores Cristianos, 1972), p.xiv
Controllo dell'autorità
  • BNE: XX1005349
  • BNF: cb12288963r (dati)
  • GND: 119157985
  • ISNI: 0000 0001 1573 5630
  • LCCN: n82053058
  • NKC: skuk0004419
  • NTA: 070875464
  • SELIBR: 324940
  • SNAC: w6t770kz
  • SUDOC: 031727751
  • VIAF: 68992411
  • Identità WorldCat (tramite VIAF): 68992411