base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

epitrachelion

epitrachelion

L' epitrachelion (in greco: ἐπιτραχήλιον "intorno al collo"; slavo: епитрахиль, epitrachil ; spesso chiamato semplicemente una stola nell'uso informale della lingua inglese) è l'abito liturgico indossato da sacerdoti e vescovi della Chiesa ortodossa e delle chiese cattoliche orientali come simbolo del loro sacerdozio, corrispondente alla stola occidentale. È essenzialmente l' orarione adattato per sacerdoti e vescovi, indossato intorno al collo con le due estremità pendenti equamente di fronte (più o meno alla caviglia) e con i due lati adiacenti cuciti o abbottonati insieme al centro, lasciando abbastanza spazio attraverso quale posizionare la testa. In pratica, l' epitrachelion è fatto per essere indossato solo in questo modo, adattato per essere appiattito intorno al collo e non è mai realmente slacciato. La parte che pende davanti è talvolta persino un solido pezzo di tessuto. Di solito è fatto di broccato con sette croci ricamate o applicate, una nella parte posteriore del collo e tre in basso su ciascun lato. L' epitrachelion è l'unico abito richiesto ogni volta che un prete conduce un servizio ortodosso; senza di essa, non è in grado di eseguire il servizio.

Il sacerdote indossa l' epitrachelion ogni volta che serve come sacerdote (invece di partecipare semplicemente a un servizio). Per alcuni servizi, ad esempio vespri o mattutini, indossa l' epitrachelion da solo. Quando è completamente investito della Divina Liturgia, indossa l' epitrachelion sopra lo sticharion e sotto la zona e il phononion . Se un prete sta semplicemente assistendo a un servizio, non indossa paramenti, ma indosserà il suo epitrachelion (e spesso la sua epimanikia ) prima di ricevere l'Eucaristia.

Quando il vescovo è completamente vestito, indossa l' epitrachelion sopra lo sticharion e sotto la zona, i sakkos e l' omofhorion .

L' hamnikho siro-ortodosso (letteralmente "collana") e l' urār armeno ortodosso sono indossati in modo simile.