base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Elsie Inglis

Elsie Inglis

Elsie Maud Inglis (16 agosto 1864 - 26 novembre 1917) fu un'innovativa dottoressa scozzese, suffragista e fondatrice degli ospedali scozzesi per donne.

Istruzione e prima infanzia

Inglis nacque nella cittadina collinare di Naini Tal, in India, da Harriet Thompson e John Forbes David Inglis (1820-1894), un magistrato che lavorò nel servizio civile indiano come capo commissario di Oudh attraverso la East India Company. Ha avuto la fortuna di avere genitori illuminati per il tempo che consideravano l'educazione di una figlia importante quanto quella di un figlio. Suo padre ha usato la sua posizione in India per "incoraggiare lo sviluppo economico nativo, ha parlato contro l'infanticidio e ha promosso l'educazione femminile." Dopo un'istruzione privata a Edimburgo e Parigi, la sua decisione di studiare medicina è stata ritardata dalla morte di sua madre nel 1885, quando si sentì obbligata per rimanere a Edimburgo con suo padre. Nel 1887 venne aperta la Scuola di medicina per donne di Edimburgo dalla dott.ssa Sophia Jex-Blake e Inglis iniziò i suoi studi lì. In reazione ai modi intransigenti di Jex-Blake, lei e suo padre fondarono l'Edinburgh College of Medicine for Women che ha organizzato la formazione clinica per i suoi studenti sotto la guida di Sir William MacEwen alla Royal Infirmary di Glasgow.

Nel 1892 ottenne la Triple Qualification, diventando una Licenza del Royal College of Physicians di Edimburgo, del Royal College of Surgeons di Edimburgo e della Facoltà di Medici e Chirurghi di Glasgow. Era sconvolta dallo standard di cura e dalla mancanza di specializzazione nelle esigenze delle pazienti di sesso femminile, ed è stata in grado di ottenere un posto presso il pionieristico New Hospital for Women di Elizabeth Garrett Anderson a Londra, e poi alla Rotunda di Dublino, un importante ospedale di maternità . Inglis ottenne la qualifica MBChM nel 1899, presso l'Università di Edimburgo, dopo aver aperto i suoi corsi di medicina alle donne.

Pratica medica

Ritornò a Edimburgo nel 1894, dove iniziò uno studio medico con Jessie MacLaren MacGregor, che era stata una compagna di studi, e aprì un ospedale di maternità, chiamato The Hospice, per donne povere insieme a un centro di addestramento e risorse di ostetricia. L'Hospice, dotato di una sala operatoria e otto posti letto, si trovava al 219 di High Street, sul Royal Mile, vicino a Cockburn Street, ed era il precursore dell'ospedale di maternità commemorativa di Elsie Inglis.

Filantropo, ha spesso rinunciato alle tasse dovute a lei e avrebbe pagato per i suoi pazienti di recuperare in riva al mare. Era consulente dell'ospedale di Bruntsfield per donne e bambini e, nonostante un disaccordo tra Inglis e la direzione dell'ospedale, l'Hospice unì le loro forze nel 1910.

Movimento del suffragio

La sua insoddisfazione per lo standard delle cure mediche a disposizione delle donne la portò all'attivismo politico attraverso il movimento di suffragio. Era la segretaria della Edinburgh National Society for Women's Suffrage negli anni 1890 mentre lavorava per la sua laurea in medicina.

Inglis ha lavorato a stretto contatto con Millicent Fawcett, il leader dell'Unione nazionale delle società di suffragio femminile (NUWSS). Nel 1906 "Elsie Inglis era per i gruppi scozzesi ciò che la signora Fawcett era per gli inglesi; quando anche loro si formarono quell'anno in una Federazione, fu Elsie che divenne il suo segretario". Ha avuto un ruolo nei primi anni della Federazione scozzese delle società di suffragio femminile, in qualità di segretaria onoraria dal 1906 al 1914. Come Fawcett, Inglis era un suffragista e non come la famiglia Pankhurst, che erano suffragette.

L'iniziativa più importante della Federazione scozzese è stata quella degli ospedali femminili scozzesi per il servizio estero. Inglis riteneva importante che gli ospedali avessero un nome neutrale per attirare "un ampio sostegno da parte di uomini e donne". Inglis è stata in grado di utilizzare le sue connessioni con il movimento a suffragio per raccogliere fondi per gli Scottish Women's Hospital (SWH).

Inglis inizialmente pensò che la Croce Rossa scozzese potesse aiutare con i finanziamenti, ma il capo della Croce Rossa scozzese, Sir George Beastson negò la richiesta di Inglis affermando che la Croce Rossa era nelle mani del Ministero della Guerra e che non poteva avere "nulla da dire in un ospedale con personale femminile ”.

Per aiutare a far rotolare la palla per il SWH, "ha aperto un fondo con £ 100 del proprio denaro". Il mese successivo, ha avuto i suoi primi £ 1.000. L'obiettivo era £ 50.000.

Proprio mentre la sua carriera medica si sovrapponeva al suo coinvolgimento a suffragio, il suo coinvolgimento a suffragio si sovrapponeva al suo lavoro di guerra.

Prima guerra mondiale

Nonostante le già notevoli conquiste di Inglis, furono i suoi sforzi durante la prima guerra mondiale a portarla alla fama. Fu determinante nella creazione del Comitato degli ospedali scozzesi per donne per il servizio estero, un'organizzazione finanziata dal movimento di suffragio femminile con l'obiettivo esplicito di fornire a tutti gli ospedali di soccorso con personale femminile lo sforzo bellico alleato. L'organizzazione era attiva nell'invio di squadre in Belgio, Francia, Serbia e Russia.

Quando Inglis si avvicinò al Royal Army Medical Corps per offrire loro un'unità medica pronta per l'uso con donne qualificate, l'ufficio di guerra le disse "Vai a casa e siediti immobile". Fu invece il governo francese che accettò la sua offerta e stabilì la sua unità in Serbia. L'ospedale aveva sede presso l'Abbazia di Royaumont ed era gestito da Frances Ivens dal gennaio 1915 al marzo 1919. Inglis inizialmente aveva offerto un ospedale da 100 letti ma è cresciuto fino a contenere 600 letti mentre affrontava le battaglie tra cui quella sulla Somme.

Inglis andò con le squadre inviate in Serbia, dove la sua presenza e il suo lavoro nel miglioramento dell'igiene ridussero il tifo e altre epidemie che stavano imperversando lì. Nel 1915 fu catturata e rimpatriata, ma quando arrivò a casa iniziò a organizzare fondi per una squadra dell'ospedale femminile scozzese in Russia. Ha guidato la squadra quando è partita per Odessa, in Russia, nel 1916, ma è durata solo un anno prima che fosse costretta a tornare nel Regno Unito, affetta da cancro.

Onori

Nell'aprile del 1916, Inglis divenne la prima donna a ricevere l'Ordine dell'Aquila Bianca (prima classe) dal principe ereditario Alessandro di Serbia durante una cerimonia a Londra. In precedenza era stata insignita dell'Ordine di San Sava (III classe).

Morte e sepoltura

Inglis morì il 26 novembre 1917, il giorno dopo il suo ritorno in Inghilterra, allo Station Hotel, a Newcastle upon Tyne. Il suo corpo giaceva in stato nella Cattedrale di St Giles a Edimburgo, e il suo funerale lì il 29 novembre fu frequentato da reali britannici e serbi. Il giornale scozzese ha scritto che è stata "un'occasione di un impressionante tributo pubblico". Winston Churchill ha detto di Inglis e delle sue infermiere "brilleranno nella storia".

Un servizio commemorativo separato si è tenuto il 30 novembre a Londra, nella chiesa di Santa Margherita a Westminster, la chiesa parrocchiale anglicana della Camera dei Comuni del Regno Unito. È sepolta nella sezione nord del cimitero di Dean, in un angolo a nord del percorso centrale. I suoi genitori, John Forbes David Inglis (1820-1894) e Harriet Lowis (1827-1885) si trovano alcune tombe a nord. Suo cugino Sir Henry Simson è adiacente.

Famiglia

Il nonno materno di Inglis era Rev Henry Simson di Garioch nell'Aberdeenshire. Era cugina dell'eminente ginecologo Sir Henry Simson. Un'altra cugina era imparentata dal matrimonio con la sua coetanea e studentessa di medicina Grace Cadell, che fu la prima donna scozzese ad ottenere una licenza medica.

Monumenti

Una fontana commemorativa fu eretta nella memoria di Inglis a Mladenovac, in Serbia, per commemorare il suo lavoro per il paese. Una targa che segnava il suo intervento prebellico dal 1898 al 1914 fu eretta in 8 Walker Street, Edimburgo. Un suo ritratto è incluso nel murale di donne eroiche di Walter P. Starmer, inaugurato nel 1921 nella chiesa di St Jude-on-the-Hill nel sobborgo di Hampstead Garden, a Londra. Nel 1922 una grande tavoletta alla sua memoria (scolpita da Pilkington Jackson) fu eretta nella navata nord della Cattedrale di St Giles, a Edimburgo. Il suo principale memoriale fisico fu l'edificio del Elsie Inglis Memorial Maternity Hospital nel 1925. Questo era principalmente un ospedale di maternità e quindi aveva una base di sole donne. Molti bambini di Edimburgo sono nati lì durante il 20 ° secolo. Fu chiuso dal Servizio sanitario nazionale nel 1988 e venduto. Una parte di essa è ora una casa di riposo per anziani, una parte è costituita da abitazioni private e parti vengono demolite; non è più riconoscibile come ospedale. Ma una piccola targa di Elsie Inglis esiste vicino all'angolo sud-ovest all'ingresso di Holyrood Park.

Inglis è stato commemorato con una nuova serie di banconote emesse dalla Clydesdale Bank nel 2009; la sua immagine è apparsa sul nuovo numero di £ 50 note. Nel marzo 2015, la residenza britannica a Belgrado è stata ribattezzata "Elsie Inglis House" in riconoscimento del suo lavoro nel paese. Nel novembre 2017, una targa commemorativa per Elsie Inglis e 15 nomi di donne che sono morte a causa del loro servizio agli ospedali scozzesi delle donne è stata aperta alla Biblioteca Centrale di Edimburgo.

Il nome e l'immagine di Inglis (e quelli di altre 58 sostenitrici del suffragio femminile) si trovano sul basamento della statua di Millicent Fawcett in Parliament Square, Londra, inaugurato nel 2018.