base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Elizabeth Farren

Elizabeth Farren

Elizabeth Farren (1759 circa - 23 aprile 1829) era un'attrice irlandese della fine del XVIII secolo. Nato a Cork nel 1759 suo padre, George Farren era un chirurgo. Le sue abitudini di consumo provocarono la morte prematura e la sua vedova tornò a Liverpool. Sua madre è salita sul palco per sostenere se stessa e i suoi figli. Elizabeth apparve per la prima volta sul palcoscenico di Londra nel 1777 come Miss Hardcastle in She Stoops to Conquer e l'anno successivo apparve a Drury Lane che, insieme al teatro Haymarket, divenne la sua sede principale per il resto della sua carriera di attore. Aveva oltre 100 personaggi nel suo repertorio tra cui Shakespeare e varie commedie e drammi contemporanei. Era spesso paragonata a Frances Abington, che era il suo unico vero rivale. La sua ultima apparizione fu nell'aprile del 1797, due mesi prima del suo matrimonio con Edward Smith-Stanley, 12º conte di Derby. Hanno avuto un figlio e due figlie.

Primi anni di vita

Elizabeth (a volte Eliza) Farren era la figlia di George Farren di Cork, in Irlanda, chirurgo e farmacista, in seguito attore, e sua moglie (nata Wright) di Liverpool, figlia di un pubblicano o di un birraio. In tenera età Farren si esibì a Bath e altrove in parti giovanili. Nel 1774 recitava con sua madre e le sue sorelle a Wakefield sotto l'avversario di Tate Wilkinson, Whiteley, quando interpretava il ruolo di Columbine e cantava. A quindici anni, a Liverpool, ha interpretato Rosetta in Love in a Village e successivamente il suo ruolo più noto di Lady Townly in The Provoked Husband di Colley Cibber.

Carriera di Londra

Fu presentata da Younger, il suo manager del Liverpool, a George Colman e fece la sua prima apparizione a Londra all'Haymarket il 9 giugno 1777, interpretando Miss Hardcastle. La sua interpretazione è stata accolta favorevolmente e, dopo aver interpretato Maria in Murphy's Citizen , Rosetta e Miss Tittup in Garrick's Bon Ton , è stata scelta per interpretare Rosina nel barbiere spagnolo, o Useless Precaution , il suo adattamento da Il barbiere di Siviglia di Beaumarchais. Ha anche parlato l'epilogo della commedia. L'11 luglio 1778 era l'originale Nancy Lovel in Colman's Suicide . Questa era una parte "calzoni", alla quale la sua figura era inadatta, e fu sottoposta a satira per mancanza di forma. Gli spettacoli come Lady Townly e Lady Fanciful nella moglie provocata la riportarono in pubblico.

Nel settembre del 1778 fece la sua prima apparizione a Drury Lane, nel ruolo di Charlotte Rusport nell'India occidentale . Si esibì principalmente in questo teatro (dove era il successore di Frances Abington quando quest'ultima se ne andò nel 1782) o all'Haymarket per il resto della sua carriera teatrale, con spettacoli occasionali nelle province e al Covent Garden. Aveva oltre 100 personaggi nel suo repertorio, tra cui Berinthia in Sheridan's Trip to Scarborough , Belinda in Murphy's All in the Wrong , Angelica in Love for Love , Elvira in Spanish Friar , Hermione in Winter's Tale , Olivia in Twelfth Night , Portia, Lydia Languish, Millamant in The Way of the World , Statira, Juliet e Lady Betty Modish. Ha "creato" alcune parti originali: Lady Sash nel campo , assegnata a Sheridan, Drury Lane, 15 ottobre 1778; Mrs Sullen in Colman's Separate Maintenance , Drury Lane, 31 agosto 1779; Cecilia in Miss Lee's Chapter of Accidents , Haymarket, 5 agosto 1780; Almeida in Pratt's Circassian Fair , 27 novembre 1781; e le eroine di varie commedie e drammi di Mrs. Cowley, Mrs. Inchbald, General Burgoyne, Miles Peter Andrews e di altri scrittori. L'ultima parte originale che ha interpretato è stata l'eroina della Force of Ridicule di Holcroft, il 6 dicembre 1796, che è stata sfavorevolmente ricevuta nella sua prima notte e rimane non stampata. Nella sua ultima apparizione, l'8 aprile 1797, interpretò Lady Teazle; fu attratto un vasto pubblico e Farren, dopo aver pronunciato le battute d'addio della sua parte, scoppiò a piangere.

Le parti shakespeariane di Hermione, Portia, Olivia e Juliet erano nel suo repertorio, ma le parti comiche come Lady Betty Modish, Lady Townly, Lady Fanciful e Lady Teazle erano le sue preferite. Farren aveva una figura leggera ed era sopra l'altezza media. Il suo viso era espressivo e animato, aveva gli occhi azzurri, un sorriso accattivante e una voce dolce e colta. Sembra che non abbia avuto rivali, tranne Frances Abington, con cui è stata spesso paragonata.

Pensionamento e ultima vita

Caricatura del 1796 di James Gillray, raffigurata accanto al suo futuro marito.

Il 1 ° maggio 1797 sposò Edward Smith-Stanley, dodicesimo conte di Derby (1752–1834) da cui ebbe un figlio e due figlie. Morì il 23 aprile 1829 a Knowsley Park, nel Lancashire.

Aveva un breve attaccamento sentimentale a John Palmer ed è stata ammirata e seguita da Charles Fox. Secondo quanto riferito, Lord Derby la trattava con più rispetto di quanto talvolta fosse dato alle ex attrici. Hazlitt parla di "Miss Farren, con le sue arie e grazie gentilissime, con quell'elegante giro di testa e il movimento del suo fan e lo scatto della lingua" ( Criticisms and Dramatic Essays , 1851, p. 49). Richard Cumberland ( Memoirs , ii. 236) menziona il suo stile come "squisito". George Colman il giovane ( Random Recollections , 1. 251) dice "dell'adorata e compiuta Miss Farren" che "Nessuno ha mai eseguito con più successo le eleganti tasse di Lady Townly". Tate Wilkinson le attribuisce il "merito infinito" ( Wandering Patentee , iii. 42). Boaden ( Life of Siddons , ii. 318) afferma che dopo la sua pensione la commedia è degenerata in farsa. Horace Walpole parlava di lei come l'attrice più perfetta che avesse mai visto, e la signora Siddons, il giorno del matrimonio di Farren, commiserò la perdita della "nostra musa comica".

Secondo quanto riferito, Farren ha avuto una relazione con Anne Seymour Damer.

ritratti

Un suo ritratto a grandezza naturale di Sir Thomas Lawrence, ora al Metropolitan Museum of Art, fu mostrato alla mostra annuale della Royal Academy nel 1790. Un altro suo ritratto era nella collezione Mathews nel Garrick Club c. 1900.