base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Dina Pathak

Dina Pathak (nata Gandhi ; 4 marzo 1922 - 11 ottobre 2002) era un attore e regista indiano del teatro Gujarati e anche attore cinematografico. Era anche un'attivista ed è rimasta presidente della "Federazione nazionale delle donne indiane" (NIFW).

Una doyenne di film hindi e gujarati oltre che di teatro, Dina Pathak ha recitato in oltre 120 film in una carriera che dura da oltre sei decenni. La sua produzione Mena Gurjari in stile teatro popolare di Bhavai, ha funzionato con successo per molti anni e ora fa parte del suo repertorio.

È conosciuta soprattutto per i suoi ruoli memorabili nei film hindi Gol Maal e Khubsoorat . È stata una delle preferite dell'Art Cinema in India, dove ha interpretato ruoli importanti in film come Koshish , Umrao Jaan , Mirch Masala e Mohan Joshi Hazir Ho! .

I suoi notevoli film gujarati erano Moti Ba , Malela Jeev e Bhavni Bhavai , mentre i suoi film famosi includono Dinglegar , Doll's House , Vijan Sheni e Hayavadana di Girish Karnad, diretto da Satyadev Dubey.

Primi anni di vita

Dina Pathak è nata ad Amreli, in Gujarat, il 4 marzo 1922. Era innamorata della moda e dei film e, da adolescente, ha iniziato a recitare in opere teatrali e ha ottenuto il plauso della critica. Ha frequentato e si è laureata in un college affiliato all'Università di Bombay (Mumbai). Rasiklal Parikh la insegnò a recitare mentre Shanti Bardhan le insegnò a ballare.

In giovane età, si è unita al Indian National Theater come attrice. È diventata nota per il suo attivismo studentesco, in cui il teatro Bhavai, una forma di teatro popolare del Gujarat, è stato ampiamente utilizzato per creare consapevolezza sul dominio britannico, nell'era preindipendente; questo portò alla sua stretta associazione con la Indian People's Theatre Association (IPTA), insieme alla sorella maggiore Shanta Gandhi e alla sorella minore Tarla Mehta; mentre a Mumbai, ha avuto una mano importante nel ravvivare il teatro gujarati, insieme ad altri attori gujarati come Kailash Pandya e Damini Mehta.

carriera

Ha creato molto scalpore con le sue opere teatrali in Gujarat negli anni '40. Il pubblico ha fatto la fila per vederla recitare nel ruolo principale in Maina Gurjari , che è ancora uno dei Bhavai più popolari insieme a Jasma Odhan della sorella Shanta Gandhi. Nel 1957, quando interpretò Mena Gurjari di fronte all'allora presidente, la dottoressa Rajendra Prasad al Rashtrapati Bhawan di Delhi, divenne la prima e unica opera gujarati ad aver raggiunto il traguardo finora.

Sebbene abbia fatto il suo debutto cinematografico con un film gujarati, Kariyawar (1948), si ritirò di nuovo in teatro dopo aver recitato in un solo film, per poi tornare quasi due decenni dopo. Nel frattempo, ha continuato a suonare per il pubblico affollato in spettacoli della Indian People's Theatre Association (IPTA) e della compagnia di Shanti Bardhan. In seguito ha formato il suo gruppo teatrale ad Ahmedabad chiamato "Natmandal", ancora oggi, è ricordata come una cantante e attivista teatrale all'IPTA.

All'età di 44 anni, è tornata al cinema, con Uski Kahani (1966) di Basu Bhattacharya, per il quale ha vinto il Bengal Journalists Association Award. Ha realizzato quattro film negli anni '60, tra cui il classico Satyakam (1969) di Hrishikesh Mukherjee, Saat Hindustani (1969), con Amitabh Bachchan nel suo ruolo di debutto e il Merchant Ivory Productions, The Guru (1969). Negli anni '70, era diventata una delle preferite dei film d'arte e commerciali, recitando potenti ruoli materni e nonni. Fu in questi film che divenne riconosciuta come la Grand-Old-Mother of Hindi.

I film che si distinguono in questa epoca sono Mausam di Gulzar (1975), Kinara (1977) e Kitaab (1977), e commedie dolci come Chitchor di Basu Chatterjee (1976), Gharaonda (1977) e anche in un classico d'arte cinematografica, Bhumika di Shyam Benegal (1977), che la vide in piedi accanto a un'altra leggenda della recitazione, Smita Patil, nella migliore interpretazione della sua carriera.

Proprio alla fine degli anni '70, è stata vista nella commedia classica, Gol Maal (1979) di Hrishikesh Mukherjee, dove ha interpretato il ruolo di Kamala Shrivastava, una donna di mezza età che interpreta la madre di Amol Palekar, che ha continuato a dirigerla nel suo film del 1985, Ankahee . Il decennio successivo iniziò con un'altra carriera migliore, come severa matriarca disciplinare nel Khoobsurat di Hrishikesh Mukherjee (1980), seguita da vicino da Bhavni Bhavai (1980). Nel 1980 le è stato anche assegnato il Sangeet Natak Akademi Award. Durante gli anni '80, è apparsa anche nella popolare serie TV, Malgudi Days . Nel 1984, è apparsa in Un passaggio in India . Sebbene avesse lungi dal dare il meglio della sua carriera, ha dato un'altra potente performance in Mirch Masala (1985) di Ketan Mehta, Tamas (1986) di Govind Nihalani e ancora una volta ha lavorato con Gulzar a Ijaazat (1987).

Forse la migliore della sua carriera è arrivata in un'altra commedia, quando nel 2002 è apparsa in Bollywood / Hollywood di Deepa Mehta per la quale è stata nominata per la migliore interpretazione da un'attrice in un ruolo di supporto al 23 ° Genie Awards. Stava anche interpretando il ruolo di Badi Maa nello spettacolo cult Khichadi (2002).

Vita privata

Sposò Baldev Pathak e ebbe due figlie, le attrici Supriya Pathak (n. 1961) e Ratna Pathak (n. 1957).

Morte

Ha completato il suo ultimo film, Pinjar (2003), ma è deceduta prima della sua uscita, di infarto, a seguito di una malattia prolungata, l'11 ottobre 2002 a Bandra, Bombay.

Filmografia selezionata

  • Kariyawar (1948)
  • Uski Kahani (1966)
  • Sara Akash (1969)
  • Satyakam (1969)
  • The Guru (1969)
  • Saat Hindustani (1969)
  • Devi (1970)
  • Sachaa Jhutha (1970)
  • Jal Bin Machhli Nritya Bin Bijli (1971)
  • Koshish (1972)
  • Avishkaar (1973)
  • Aap Ki Kasam (1974) - La madre di Sunita
  • Mausam (1975)
  • Chitchor (1976) - La signora P. Choudhry
  • Kinara (1977)
  • Anurodh (1977)
  • Gharaonda (1977)
  • Dream Girl (1977)
  • Bhumika (1977)
  • Kitaab (1977)
  • Paheli (1977) - La moglie di Masterji
  • Badalte Rishtey (1978) - Signora Thakur
  • Do Ladke Dono Kadke (1979)
  • Meera (1979) - La signora Virendev Rathod 'Kunwarbai'
  • Gol Maal (1979)
  • Khandaan (1979) - La madre di Usha
  • Khubsoorat (1980)
  • Bhavni Bhavai (1980)
  • Thodisi Bewafaii (1980)
  • Naram Garam (1981)
  • Sansani: The Sensation (1981) - Wilma
  • Umrao Jaan (1981)
  • Vijeta (1982)
  • Prem Rog (1982)
  • Arth (1982)
  • Prem Tapasya (1983)
  • Woh Saat Din (1983)
  • Mohan Joshi Hazir Ho! (1984)
  • Holi (1984)
  • A Passage to India (1984)
  • Ankahee (1985)
  • Mirch Masala (1985)
  • Jhoothi (1985)
  • Ek Pal (1986)
  • Tamas (1986)
  • Ek Chadar Maili Si (1986)
  • Naache Mayuri (1986)
  • Ijaazat (1987)
  • Sanam Bewafa (1991)
  • Saudagar (1991)
  • Aaina (1993)
  • Aankhen (1993)
  • Tarpan (1994)
  • Eena Meena Deeka (1994)
  • Sabse Bada Khiladi (1995)
  • Yaraana (1995)
  • Pardes (1997)
  • Badal (vecchia signora)
  • Raja Ko Rani Se Pyar Ho Gaya (2000)
  • Lajja (2001)
  • Tum Bin (2001)
  • Aashiq (2001)
  • Devdas (2002)
  • Bollywood / Hollywood (2002)
  • Mere Yaar Ki Shaadi Hai (2002)
  • Pinjar (2003)
  • Border Hindustan Ka (2003)

Premi

  • 1977 - Nominato, Premio Filmfare come migliore attrice non protagonista per Mausam
  • 1980 - Nominato, Premio Filmfare come migliore attrice non protagonista per Gol Maal
  • 1981 - Nominato, Premio Filmfare come migliore attrice non protagonista per Khubsoorat
  • 2003 - Nominato, Genie Award per la migliore interpretazione di un'attrice in un ruolo di supporto per Bollywood / Hollywood

Appunti

  1. ^ "Sangeet Natak Akademi Honours". Archiviato dall'originale il 23 novembre 2007.
  2. ^ Premio del Governo per Dina Pathak The Times of India , 8 novembre 2001.
  3. ^ Necessità di sensibilizzare le donne: Dina Pathak The Tribune , 3 febbraio 2000.
  4. ^ I pannelli delle donne 'senza denti' The Tribune , 1 maggio 1999.
  5. ^ a b Brandon, p. 83
  6. ^ a b "Dal Gujarat con grazia". The Tribune . 11 giugno 2006.
  7. ^ a b c L'attrice veterana Dina Pathak muore The Times of India , 11 ottobre 2002.
  8. ^ a b Baradi, Hasmukh (2004). Lal, Ananda (a cura di). The Oxford Companion to Indian Theatre . Nuova Delhi: Oxford University Press. ISBN 0195644468. OCLC 56986659 - tramite riferimento Oxford.
  9. ^ a b c "La grande dama del cinema indiano" The Tribune , 11 aprile 1999
  10. ^ "L'attrice veterana Dina Pathak muore" Archiviata il 12 luglio 2004 al Wayback Machine Indian Express , il 12 ottobre 2002.
  11. ^ "Rivivere il passato del Gujarati Rangbhoomi". I temi dell'India. 27 marzo 2013. Estratto il 15 maggio 2013.
  12. ^ "Ricordando Dina Pathak". Archiviato dall'originale il 12 dicembre 2007. Estratto l'11 marzo 2015.
  13. ^ "Shaili Sathyu". Archiviato dall'originale il 3 marzo 2016. Estratto l'11 marzo 2015.
  14. ^ "IPTA". Estratto l'11 marzo 2015.
  15. ^ a b Profilo, imdb.com; visitato l'11 marzo 2015.
  16. ^ Bollywood Hollywood ottiene 5 nomination per Genie, timesofindia.indiatimes.com, 3 gennaio 2003,
  17. ^ "Mausam (film del 1975)", Wikipedia , 10 febbraio 2019, recuperata il 26 marzo 2019
  18. ^ "Gol Maal", Wikipedia , 27 novembre 2018, recuperato il 26 marzo 2019
  19. ^ "Bollywood / Hollywood", Wikipedia , 23 giugno 2018, recuperato il 3 luglio 2018