base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Ape cuculo

Ape cuculo

Il termine ape cuculo viene utilizzato per una varietà di diversi lignaggi di api che hanno evoluto il comportamento cleptoparassitario di deporre le uova nei nidi di altre api, che ricorda il comportamento degli uccelli a cucù. Il nome è forse meglio applicato all'apida sottofamiglia Nomadinae, ma è comunemente usato in Europa per indicare bombi Bombus subgenus Psithyrus . Le femmine delle api a cucù sono facili da riconoscere in quasi tutti i casi, poiché mancano di strutture di raccolta del polline (scopa) e non costruiscono i propri nidi. Hanno spesso peli corporei ridotti, esoscheletro anormalmente spesso e / o fortemente scolpito e mandibole simili a sciabole, sebbene ciò non sia universalmente vero; sono comuni anche altri cambiamenti meno visibili.

In genere entrano nei nidi delle specie che raccolgono polline e depongono le loro uova nelle cellule fornite dall'ape ospite. Quando la larva dell'ape del cuculo si schiude, consuma la palla pollinica della larva ospite e, se la femmina kleptoparassite non lo ha già fatto, uccide e mangia la larva ospite. In alcuni casi in cui gli ospiti sono specie sociali (ad esempio il sottogenere Psithyrus del genere Bombus , che sono bombi parassiti e nidi infiltrati di specie non parassite di Bombus ), il kleptoparasite rimane nel nido ospite e ne depone molte uova, a volte anche uccidendo la regina ospite e sostituendola - tali specie sono spesso chiamate parassiti sociali , anche se alcuni di loro sono anche chiamati "parassiti della covata".

Molte api a cucù sono strettamente legate ai loro ospiti e possono avere somiglianze nell'aspetto che riflettono questa relazione. Questo modello comune ha dato origine al principio ecologico noto come "Regola di Emery". Altri parassitano le api in famiglie diverse dalle loro, come Townsendiella , un'apide nomade, una specie di cui è un kleptoparassite del genere dasypodaid Hesperapis , mentre le altre specie dello stesso genere attaccano le api halictid.

Il numero di volte in cui il comportamento cleptoparassitario si è evoluto in modo indipendente all'interno delle api è notevole; CD Michener (2000) elenca 16 lignaggi in cui si è evoluto il parassitismo delle specie sociali (principalmente nella famiglia Apidae) e 31 lignaggi che parassitano gli ospiti solitari (principalmente in Apidae, Megachilidae e Halictidae), che rappresentano collettivamente diverse migliaia di specie, e quindi una percentuale molto ampia della diversità complessiva delle api. Non ci sono api a cucù nelle famiglie Andrenidae, Melittidae o Stenotritidae e forse nei Colletidae (ci sono solo sospetti non confermati che un gruppo di specie Hylaeus hawaiane possa essere parassitario).