base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Isole Comore

Isole Comore

Le Isole Comore o Comore (Shikomori Komori ; arabo: جزر القمر, Juzur al-Qomor ; francese: Les Comores ) formano un arcipelago di isole vulcaniche situato al largo della costa sud-orientale dell'Africa, a est del Mozambico ea nord-ovest del Madagascar. Le isole sono politicamente divise tra Unione delle Comore (pop. 850.688) e due territori della Francia: il dipartimento di Mayotte (pop. 270.372) e le Isole Glorioso, una parte delle Isole Sparse nell'Oceano Indiano, il 5 ° distretto di le terre australi e antartiche francesi.

Geografia

Le Isole Comoro si trovano nel Canale del Mozambico a nord-ovest del Madagascar e si affacciano sul Mozambico. Queste isole vulcaniche, che coprono una superficie totale di 2034 km2, sono le seguenti:

  • Ngazidja (anche conosciuta come Grande Comore ): l'isola più grande dell'Unione delle Comore, con la sua capitale Moroni
  • Ndzuwani (noto anche come Anjouan ): parte dell'Unione delle Comore
  • Mwali (noto anche come Mohéli ): parte dell'Unione delle Comore
  • Mayotte (noto anche come Maore o Mahori ): un dipartimento francese d'oltremare. con la sua capitale Mamoudzou. Mayotte è composta da due isole, Grande-Terre e Petite-Terre (noto anche come Pamanzi ). dove si trova l'aeroporto internazionale Dzaoudzi – Pamandzi.

Le isole Glorioso, che comprendevano la Grande Glorieuse , l' Île du Lys e otto isolotti rocciosi, erano amministrativamente collegate all'arcipelago prima del 1975 e, geologicamente parlando, fanno parte dell'arcipelago.

Le scogliere notevoli che fanno parte dell'arcipelago sono le seguenti:

  • Banc Vailheu, o Raya , un vulcano sommerso situato a 20 km a ovest di Grand Comoro
  • Banc du Geyser, una barriera corallina di 8 per 5 km nell'area, situata a 130 km a nord-est della Grande-Terre
  • Banc du Leven, un'antica isola tra il Madagascar e la Grande-Terre che è ora sommersa

Storia

Le Comore potrebbero essere state colonizzate già nel VI secolo; tra i popoli che attraversarono il mare per popolare le isole vi sono popoli di lingua bantu, malgasci, austronesiani, arabi, portoghesi, francesi e indiani. L'islam è probabilmente arrivato nel X secolo. Le isole Comore formarono, con Zanzibar, Pemba, Lamu e le città costiere del Kenya e della Tanzania, una regione unita e prospera della cultura swahili, commerciando in beni locali che venivano esportati verso la costa africana, il Madagascar, il Medio Oriente e l'India. In quel periodo, il potere politico era nelle mani dei governanti locali. Durante le loro esplorazioni nella regione delle Comore, i portoghesi approdarono sulle Isole della Luna, nel 1505; kamar è l'arabo per luna .

Durante il periodo coloniale, i coloni francesi stabilirono piantagioni, inizialmente producendo zucchero, poi, nel ventesimo secolo, piante da profumo e spezie come ylang ylang, vaniglia e chiodi di garofano e copra. Nel 1946, divenne un territorio francese d'oltremare.

Nel 1974 la Francia organizzò un referendum per l'autodeterminazione nell'arcipelago in cui la popolazione, tranne a Mayotte, votò in modo schiacciante a favore dell'indipendenza. A seguito della dichiarazione unilaterale di indipendenza del 1975, la Francia mantenne la sovranità su Mayotte. Le tre isole rimanenti formarono l'Etat Comorian, che in seguito divenne la Repubblica islamica federale delle Isole Comoro ed è oggi l'Unione delle Comore.

Nel 1997, la richiesta di una maggiore autonomia nelle isole di Ndzuani (Anjouan) e Mwali (Moheli) ha portato alla rottura della Repubblica islamica federale. Nel 2001, il governo si è riformato come Unione delle Comore in virtù di una nuova costituzione che ha dato a ciascuna delle tre isole una maggiore autonomia rispetto a quella goduta in precedenza. Nel 2008, il presidente di Anjouan ha rifiutato di tenere elezioni libere. Fu costretto a fuggire in seguito all'intervento militare da parte delle truppe dell'Unione Comoriana e dell'Unione Africana. Il paese insulare continua la sua forma attuale di governo confederale, anche se con lievi modifiche approvate nei referendum nel 2009 e 2018.

Mayotte, che aveva votato per conservare la sovranità francese nel referendum del 1975, espresse il desiderio di aderire allo status di dipartimento dipartimentale (DOM) (Dipartimento d'oltremare) a seguito di un altro referendum tenutosi sull'isola il 29 marzo 2009. Mayotte è diventata ufficialmente il 101 ° dipartimento francese il 31 marzo 2011.

Geologia

L'arcipelago delle Comoro è costituito da isole vulcaniche. Queste isole vulcaniche, insieme alle alte montagne del nord del Madagascar, si formarono nei periodi terziario e quaternario. L'isola di Mayotte è la più antica ancora sopra il livello del mare e ha subito tre fasi vulcaniche tra i 15 milioni e i 500.000 anni fa. Le età diminuiscono progressivamente da est a ovest. Grande Comore è l'isola più giovane ed è ancora vulcanicamente attiva. Karthala, un vulcano a scudo che occupa circa i due terzi dell'isola, sorge a 2361 metri. La caldera sommitale è piuttosto grande, con dimensioni di circa 3 x 4 km (1,9 x 2,5 miglia) sul bordo (2007).

Clima

L'arcipelago di Comoro gode di un clima marittimo tropicale, caratterizzato da lievi variazioni di temperatura durante il giorno durante l'anno di circa 26 ° C (78,8 ° F) a livello del mare e da abbondanti precipitazioni: 2.679 mm (105.5 in) all'anno. La temperatura media dell'acqua di mare è di 25 ° C (77 ° F). Ci sono due stagioni nelle Comore: la stagione calda e umida che scorre da nord-ovest da novembre ad aprile e la stagione secca da maggio a ottobre. Il clima di Mayotte è, tuttavia, notevolmente più caldo e secco. Il clima è inoltre caratterizzato da importanti variazioni locali di temperatura e precipitazioni a seconda dell'altitudine, del rilievo e del grado di esposizione agli elementi. Le precipitazioni annuali pertanto variano nella regione da 1.000 a 6.000 mm (da 39.4 a 236.2 in) e il minimo assoluto di 0 ° C (32 ° F) è raggiunto sulla cima del Karthala.

La stagione calda e secca è causata da una vasta area a bassa pressione che si estende su gran parte dell'Oceano Indiano e dell'Africa centrale. Questa bassa pressione favorisce venti raffinati e cicloni. L'ultimo ciclone fu "Gafilo" che passò vicino alle Comore il 5 marzo 2004 causando gravi danni materiali. Durante la stagione calda e umida può piovere fino a 200 mm (7,9 pollici) in ventiquattro ore. La stagione secca è più calma. La bassa pressione si sposta verso il continente asiatico (questo è il monsone, il vento che soffia da sud-est) e si forma un anticiclone sotto le Comore. Questo comunque non impedisce alle isole di avere qualche raffica di vento, ma la loro intensità è molto inferiore rispetto alla stagione calda.

I due venti che portano le due diverse stagioni sono chiamati Kashkasi (a novembre) e Kusi.

flora e fauna

Il maki di Mayotte, un tipo di lemure trovato su quest'isola, è protetto dalla legge francese e dalla tradizione locale; si ritiene che sia stato introdotto dal Madagascar. Diversi mammiferi sono endemici delle isole. Una specie di pipistrello scoperta da David Livingstone nel 1863, in precedenza abbondante, è stata ora ridotta a una popolazione di circa 1200 esemplari, limitata ad Anjouan e Moheli. Un gruppo britannico di conservazione ha inviato una spedizione nelle Comore nel 1992, con l'obiettivo di trasportare alcuni esemplari in Gran Bretagna, al fine di formare una colonia riproduttiva.

Ventidue specie di uccelli sono endemiche dell'arcipelago e diciassette di esse vivono solo in territori controllati dall'Unione; esempi particolarmente notevoli di questi sono il gufo scops Karthala, il gufo scopa anjouan e il pigliamosche di Humblot.

In parte a causa della pressione internazionale degli anni '90, il governo dell'Unione ha iniziato a occuparsi maggiormente dell'ambiente. Sono state prese misure non solo per preservare la fauna rara, ma anche per controllare la distruzione dell'ambiente, specialmente su Anjouan, che è densamente popolata. Più precisamente, al fine di ridurre al minimo l'abbattimento degli alberi per il carburante, il cherosene è stato sovvenzionato e sono in corso sforzi per sostituire la copertura forestale perduta causata dalla distillazione di Ylang-ylang per il profumo. Il Fondo per il sostegno allo sviluppo comunitario, sponsorizzato dall'International Development Association (IDA, una sussidiaria della Banca mondiale) e dal governo delle Comore, si sta applicando per migliorare l'approvvigionamento idrico delle isole.

Fauna

Come altre isole della regione, queste isole possiedono numerose specie endemiche; ecco alcune delle specie più notevoli:

  • Il pipistrello della frutta di Livingstone, un pipistrello diurno endemico molto grande, che mangia frutta.
  • Il lemure marrone comune, un tipo di piccolo lemure ( Kima in Shikomori)
  • Scolopendra , millepiedi velenosi che possono raggiungere i 25 centimetri di lunghezza.
  • Il celacanto, un pesce ossuto, conosciuto da fossili di oltre 300 milioni di anni.
  • Il geco, una piccola lucertola che si nutre di insetti, e spesso si trova avvistato sui soffitti delle case.
  • Il delfino dal becco; un baccello è visibile, quasi tutte le mattine, dalla spiaggia di Itsandra, vicino a Moroni, ma ce ne sono anche molti altri.
  • La tartaruga verde, abbondantemente su Mohéli e Mayotte, dove vengono ancora a deporre le uova.
  • Il tenrec senza coda, simile a un riccio ma appartenente a una diversa famiglia di insettivori, i Tenrecidae, la cui roccaforte principale è il Madagascar.

Nessun animale africano di grandi dimensioni (elefanti, giraffe, leoni, coccodrilli, zebre o antilopi) si trova sulle Comore, nonostante le isole siano relativamente vicine alla terraferma.

Flora

Sulle Comore ci sono numerosi ecosistemi tropicali che dipendono principalmente dall'altitudine. Qui puoi trovare molti tipi di piante tropicali, molti dei quali sono endemici. Come la maggior parte delle isole, la diversità della flora locale soffre di due pressioni, da un lato la riduzione dello spazio disponibile causata dalla riduzione dei biotopi dovuta all'invasione degli esseri umani in quelle che un tempo erano le aree più selvagge e dall'altro invasione di specie vegetali esotiche come i guava. La flora è stata studiata male, ma alla Francia sono stati fatti tentativi su Mayotte di colmare le lacune. Gli sforzi per preservare le specie non sono ancora sufficienti per salvare le zone più ricche e si prevede che i disturbi dei biotopi avvengano per molti anni a venire.

Politica

L'arcipelago delle Comoro è diviso tra:

  • L'Unione delle Comore, una nazione sovrana formata dalle tre isole di Grande Comore, Anjouan e Mohéli.
  • Mayotte, un dipartimento d'oltremare della Repubblica francese (dipartimento d'outre-mer). Quest'isola è rivendicata anche dall'Unione delle Comore ai sensi dell'articolo 1 della sua Costituzione.

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha continuato a condannare la presenza francese a Mayotte fino al 1994. La Francia, tuttavia, ha usato il suo potere di veto nelle Nazioni Unite per impedire al Consiglio di sicurezza di approvare una risoluzione che condanna la Francia.

L'Unione Africana ha giudicato illegale la presenza francese su Mayotte.

Mayotte è diventata un dipartimento francese il 31 marzo 2011.

Le Comore hanno subito una crisi politica iniziata nel 1997 con il separatismo su Anjouan. Le autorità politiche dell'isola avevano rivolto la popolazione dell'isola contro il governo centrale, sostenendo dapprima la riunificazione con la Francia, e successivamente una maggiore autonomia al confine con l'indipendenza.

Dal 2006, l'ex presidente dell'Unione delle Comore Ahmed Abdallah Sambi, originario dell'isola di Anjouan, è stato in aperto conflitto con le autorità di Anjouan, un conflitto che si è concluso con uno sbarco militare dell'esercito nazionale di Sviluppo per ristabilire l'autorità dell'Unione sull'isola.