base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Coelenterata

Coelenterata

Coelenterata è un termine che comprende l'animale phyla Cnidaria (animali corallini, gelatine vere, anemoni di mare, penne marine e i loro alleati) e Ctenophora (gelatine di pettine). Il nome deriva dal greco antico: κοῖλος, romanizzato: koilos , lit. e ἔντερον, enteron, 'intestino' 'hollow', riferendosi alla cavità corpo cavo comune a questi due phyla. Hanno un'organizzazione dei tessuti molto semplice, con solo due strati di cellule (esterna e interna) e simmetria radiale. Alcuni esempi sono i coralli, che sono tipicamente coloniali, e l'idra, la medusa e gli anemoni di mare che sono solitari. Coelenterata manca di un sistema circolatorio specializzato che si basa invece sulla diffusione attraverso gli strati di tessuto.

caratteristiche

Tutti i celenterati sono acquatici, principalmente marini. La forma del corpo è radialmente simmetrica, diploblastica e non ha un celeste. Il corpo ha una sola apertura, l'ipostoma, circondato da tentacoli sensoriali equipaggiati con nematocisti o colloblasti per catturare prede prevalentemente planctoniche. Questi tentacoli sono circondati da una spaziosa cavità chiamata cavità gastrovascolare o celenteron. La digestione è sia intracellulare che extracellulare. La respirazione e l'escrezione sono realizzate mediante semplice diffusione. Una rete di nervi è diffusa in tutto il corpo. Molti Cnidaria presentano polimorfismi, in cui diversi tipi di individui sono presenti in una colonia per funzioni diverse. Queste persone sono chiamate Zooidi. Questi animali generalmente si riproducono in modo asessuato in erba, sebbene in alcuni gruppi si verifichi la riproduzione sessuale.

Storia della classificazione

La validità scientifica del termine celenterato è attualmente contestata, in quanto Cnidaria e Ctenophora hanno meno in comune di quanto precedentemente ipotizzato. Coelentera può essere monofiletico solo se sono inclusi sia Placozoa che Bilateria. In particolare, la posizione filogenetica di Ctenophora è controversa; fu inizialmente considerato un sottogruppo di celenterati ma Hyman lo considerò un phylum separato. Alcuni ricercatori suggeriscono che Coelenterata non è monofiletico, e quindi qualsiasi gruppo contenente Cnidaria e Ctenophora ma escludendo altri phyla sarebbe parafilico. Tuttavia, alcuni studi genomici hanno trovato supporto per celenterati monofiletici. Nonostante questa incertezza, il termine celenterato è ancora usato in contesti informali per riferirsi a Cnidaria e Ctenophora.

A complicare la questione è il lavoro di Lynn Margulis del 1997 (revisione di un precedente modello di Thomas Cavalier-Smith) che ha collocato i Cnidaria e Ctenophora da soli nel ramo Radiata all'interno di Eumetazoa. (Quest'ultimo si riferisce a tutti gli animali ad eccezione delle spugne, Trichoplax e dei Mesozoa ancora poco conosciuti). Nessuno dei due gruppi è accettato universalmente, tuttavia, entrambi si incontrano comunemente nella letteratura tassonomica.