base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Cicuta virosa

Cicuta virosa

La cicuta virosa , la cowbane o la cicuta marina settentrionale , è una specie velenosa di Cicuta , originaria dell'Europa settentrionale e centrale, dell'Asia settentrionale e del Nord America nordoccidentale. È una pianta erbacea perenne che cresce fino a 1-2 metri di altezza. Gli steli sono lisci, ramificati, gonfi alla base, a strisce viola e cavi, ad eccezione delle partizioni all'incrocio delle foglie e dello stelo. Nella sezione trasversale gli steli hanno un lato piatto e gli altri lati sono arrotondati. Le foglie sono alternate, triplate, dentate solo grossolanamente, a differenza delle felci, foglie di pizzo che si trovano in molti altri membri della famiglia delle Apiaceae . I fiori sono piccoli, bianchi e raggruppati in infiorescenze a forma di ombrello tipiche della famiglia. Le molte ombrelle a fiore hanno pedicelli disuguali che vanno dai 5 agli 11 cm di lunghezza durante la fruttificazione. Un liquido oleoso e giallo trasuda dai tagli agli steli e alle radici. Questo liquido ha un odore simile a quello delle pastinache o delle carote. La pianta può essere scambiata per pastinaca a causa dei suoi grappoli di radici tuberose bianche.

Cresce nei prati umidi, lungo le rive del fiume e altre zone umide e paludose.

Storia

C'è stato qualche dubbio sul fatto che una cicuta del genere Cicuta o del genere Conium fosse usata nell'antica Grecia come veleno di stato, amministrato come metodo di pena capitale. Il filosofo greco Socrate bevve una coppa di una specie di infuso di cicuta alla sua esecuzione nel 399 a.C. La cicuta virosa è tuttavia principalmente una specie dell'Europa settentrionale, rara o assente dalla regione mediterranea, che rende improbabile il suo utilizzo in Grecia. Vedi Hemlock veleno per ulteriori informazioni.

La dose di cicuta usata per le esecuzioni greche non fu sempre immediatamente fatale, e talvolta fu necessario somministrare una seconda tazza di veleno.

... dopo aver bevuto tutto il succo di Hemlock, la quantità fu trovata insufficiente e il carnefice si rifiutò di prepararsi di più a meno che non gli venissero pagati 12 dracme. —Da un resoconto dell'esecuzione di Phocion

Considerando l'estrema tossicità della Cicuta virosa, questa è un'ulteriore prova del fatto che non era la specie di cicuta utilizzata.

In passato, questa pianta aveva un numero di nomi colorati tra cui la cicuta d'acqua di Mackenzie, il veleno di castoro, la bane dei bambini, il serpente e il muschio di veleno.

Tossicità

La pianta contiene cicutoxin, che interrompe il funzionamento del sistema nervoso centrale. Nell'uomo, la cicutoxina produce rapidamente sintomi di nausea, emesi e dolore addominale, in genere entro 60 minuti dall'ingestione. L'avvelenamento può portare a tremori e convulsioni. Un singolo morso della radice (che ha la più alta concentrazione di cicutoxina) può essere sufficiente per causare la morte. Negli animali la dose tossica e la dose letale sono quasi le stesse. Un grammo di cicuta d'acqua per chilogrammo di peso ucciderà una pecora e 230 grammi sono sufficienti per uccidere un cavallo. A causa della rapida insorgenza dei sintomi, il trattamento di solito non ha successo.

Reperti fossili

Le metà dei frutti fossili della cicuta virosa sono descritte rare nel Pliocene d'Europa, ma comuni nei floridi interglaciali pleistocenici della pianura dell'Europa orientale.