base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Grotta di Callao

Grotta di Callao

La grotta di Callao è una delle grotte calcaree situate nel comune di Peñablanca, provincia di Cagayan, nelle Filippine. La grotta dello spettacolo a sette camere è una delle 300 grotte che punteggiano l'area e l'attrazione turistica naturale più conosciuta della provincia. La città è chiamata Peñablanca ( spagnolo per rocce bianche) per la presenza di rocce calcaree bianche nella zona. La grotta di Callao si trova nelle Barangays di Magdalo e Quibal a Peñablanca a circa 24 km (15 miglia) a nord-est della città di Tuguegarao, la capitale della provincia di Cagayan.

Una specie di nuova specie umana descritta tra 50.000 e 67.000 anni fa, l' Homo luzonensis , scoperta nella grotta, è stata confermata nel 2019.

Callao e le altre grotte sono situate ai piedi occidentali delle montagne della Sierra Madre del Nord delle Filippine. Si trovano all'interno del paesaggio protetto e del paesaggio marino di Peñablanca, che si estende dalle grotte alle coste orientali dell'Oceano Pacifico.

Stato di protezione

La grotta di Callao fu visitata dal governatore generale americano Theodore Roosevelt, Jr. nel 1932, che durante il suo mandato creò il sistema del Parco Nazionale del paese con l'adozione della legge n. 3195 nel 1932. La grotta di Callao fu uno dei primi parchi nazionali del paese quando è stato istituito il 16 luglio 1935 con proclama n. 827. Il Parco Nazionale della Grotta di Callao comprendeva un'area di 192 ettari (470 acri) di terra. Con l'approvazione della legge NIPAS del 1992 che ha rinnovato le aree protette del paese, il Parco Nazionale di Callao è stato riclassificato ma ampliato con il proclama n. 416 il 29 giugno 1994. L'area protetta è stata ristabilita come paesaggio protetto di Peñablanca .

Nel 2003 su raccomandazione del Dipartimento dell'Ambiente e delle Risorse Naturali (Filippine) (DENR), l'area protetta è stata ulteriormente ampliata per includere alcuni lotti di terreno di dominio pubblico. Proclamazione 416 n. è stato modificato dal proclama n. 484, firmata dal presidente Arroyo il 6 ottobre 2003. La legge ha ampliato il parco a 118.781,58 ettari (293.515,7 acri) e ribattezzato Peñablanca Protected Landscape and Seascape (PPLS).

L'area protetta è descritta in particolare come delimitata a nord e ad est della foresta pubblica ai sensi della FR-1011 secondo il proclama n. 584 dell'8 luglio 1940; a sud dal progetto di riforestazione Callao e a ovest dal blocco I, alienabile e usa e getta del progetto n. 13-C di Cagayan, certificato il 27 febbraio 1923.

Caratteristiche

Grotta di Callao

Più di 300 grotte punteggiano l'area protetta, 75 delle quali sono state documentate dal Museo Nazionale dal 1977. La Grotta di Callao e la vicina, ma più impegnativa, Sierra Cave sono facilmente accessibili in automobile.

La grotta di Callao è l'attrazione principale nel paesaggio protetto e nel paesaggio marino di Peñablanca. È la più accessibile di tutte le grotte, il suo ingresso è raggiunto salendo 184 gradini in cemento. Il sistema di grotte di Callao è composto da sette camere, ognuna con fessure naturali sopra che permettono ai flussi di luce di entrare nella caverna, fungendo da illuminazione per le aree altrimenti buie del luogo. In precedenza, erano state segnalate nove grotte nel sistema, ma un terremoto negli anni '80 ha interrotto le ultime due camere.

La prima camera della grotta dello spettacolo è la sala più grande con una larghezza di circa 50 m (160 piedi) e un'altezza di 36 m (118 piedi). La stanza simile a una cattedrale è stata trasformata in cappella dalla popolazione locale. Una formazione rocciosa funge da altare della cappella illuminata da un flusso di luce proveniente da un'apertura sul tetto. Le condizioni all'interno delle grotte hanno causato la formazione di stalattiti e stalagmiti, tanto più nelle camere più profonde. Numerosi spettacolari speleotemi o formazioni si trovano all'interno della grotta come pietre fluide, gocce luccicanti, tende da grotta, elittiti di cristallo, colonne, ecc.

Classificazione

La grotta di Callao è classificata dal Dipartimento dell'ambiente e delle risorse naturali come una grotta di classe II. Descrive le grotte con aree che presentano condizioni pericolose e contengono sensibili valori geologici, archeologici, culturali, storici e biologici o ecosistemi di alta qualità. Tali grotte sono aperte a esperti speleologi o appassionati di speleologia e visite guidate, anche se alcune porzioni possono essere chiuse stagionalmente o permanentemente per scopi di conservazione.

La Bat Cave vicino a Callao Cave è una grotta di classe III, il che significa che sono "generalmente sicuri" per i visitatori inesperti. Non hanno conosciuto specie minacciate all'interno né valori archeologici, geologici, storici o culturali. In tali grotte sono consentite attività economiche, come la raccolta di guano e il nido di un uccello commestibile.

Callao Man

Callao Man si riferisce a resti fossili scoperti all'interno della Grotta di Callao nel 2007 da Armand Salvador Mijares. In particolare, la scoperta consisteva in un singolo metatarso da 61 mm (2,4 pollici) che, quando datato usando l'ablazione della serie dell'uranio, risultava avere almeno 67.000 anni. Se fosse definitivamente dimostrato di essere resti dell'Homo sapiens, avrebbe preceduto i resti di 47.000 anni di Tabon Man per diventare i primi resti umani conosciuti nelle Filippine e uno dei più antichi resti umani nell'Asia del Pacifico. I ricercatori hanno notato che Callao Man era probabilmente alto meno di un metro e mezzo. I ricercatori ritengono inoltre che Aetas, abitanti di montagna oggi sull'isola di Luzon, potrebbero essere discendenti di Callao Man.

Homo luzonensis

Nel 2010, nella grotta furono scoperti più resti umani e furono provvisoriamente conosciuti dalla comunità scientifica come resti di Homo sapiens . Altre ossa scoperte nel 2015 dal paleoarcheologo Armand Mijares dell'Università delle Filippine Diliman hanno portato a ricerche scientifiche sulla vera genetica dei resti umani. Il 10 aprile 2019, il paleoantropologo Détroit ha pubblicato studi sulla rivista scientifica Nature , nominando la nuova specie umana identificata, l' Homo luzonensis , che viveva sull'isola di Luzon almeno 50.000 a 67.000 anni fa. I resti sono costituiti da sette denti e sei piccole ossa ed è la terza scoperta storica in tutto il sud-est asiatico dell'arcipelago per quanto riguarda l'antica scoperta umana negli ultimi 15 anni. Alla fine, i resti di Callao Man precedentemente scoperti sono stati riclassificati come Homo luzonensis .

Altre grotte

Altre grotte incontaminate e indisturbate con formazioni rocciose viventi nel paesaggio protetto e sul paesaggio marino di Peñablanca includono Jackpot, Laurente, Odessa-Tumbali, Quibal, Roc, San Carlos e Sierra Caves, tra gli altri. Queste grotte possono essere esplorate con le guide del Sierra Madre Outdoor Club, Adventures and Expedition Philippines Inc. e North Adventurer. Il volo circadiano quotidiano di pipistrelli dalla Bat Cave avviene al crepuscolo.