base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Amien Rais

Amien Rais

Muhammad Amien Rais (nato il 26 aprile 1944) è un politico indonesiano che era uno dei leader del movimento di riforma che ha costretto le dimissioni del presidente Suharto nel 1998. Amien Rais era il leader di Muhammadiyah, una delle due maggiori organizzazioni musulmane in Indonesia , dal 1995 al 2000. Amien Rais è stato presidente dell'Assemblea consultiva popolare (MPR) dal 1999 al 2004. Durante la sua presidenza, l'MPR ha approvato una serie di emendamenti alla Costituzione dell'Indonesia. Gli emendamenti, tra le altre cose, stabilirono elezioni presidenziali dirette, un limite di mandato presidenziale (due termini) e la Corte costituzionale.

Infanzia

Amien Rais è nato a Surakarta, Central Java, come il secondo figlio di Suhud Rais e Sudalmiyah. La coppia era attivisti Muhammadiyah a Surakarta. Suhud Rais si è diplomato al liceo Mualimin di Muhammadiyah. Ha lavorato nell'ufficio affari religiosi di Surakarta. Era anche membro del Board of Education di Muhammadiyah nel capitolo Surakarta. Sudalmiyah era un'attivista ad Aisiyah, un'organizzazione femminile di Muhammadiyah ed era stata presidente per 20 anni. Si è diplomata alla scuola di insegnamento di Muhammadiyah "Hogere Indlansche Kweekschool". Era un membro del partito Masyumi negli anni '50. Nel 1985 le è stata assegnata la "Migliore madre di Giava centrale".

I fratelli di Amien sono Fatimah (una figlia, la prima figlia), Abdul Rozak, Ahmad Dahlan, Siti Aisyah e Siti Asyiah. Erano cresciuti con rigida disciplina mentre loro madre insegnava loro. In varie occasioni, Amien Rais ha affermato che sua madre ha influenzato la sua vita. Si prendeva sempre del tempo per incontrarsi o consultarsi con sua madre, morta il 14 settembre 2001.

La vita familiare

Amien sposò il suo amico d'infanzia, Kusnasriyati Sri Rahayu nel 1969. Durante i loro dieci anni di matrimonio, non avevano avuto figli nonostante vari trattamenti medici. Alla Mecca - nel loro pellegrinaggio ad Haj - hanno pregato Dio di fronte alla Kaaba sperando che Dio desse loro dei bambini. Due mesi dopo, la signora Rais era incinta. La coppia ora ha 5 figli (Ahmad Hanafi, Hanum Salsabiela, Ahmad Mumtaz, Tasniem Fauzia e Ahmad Baihaqy).

Formazione scolastica

Quando era alle elementari, Amien voleva essere un sindaco ispirato a Muhammad Saleh, allora sindaco di Surakarta. Saleh era una persona rispettata nel suo mandato. Ma alle superiori, Amien ha deciso e voleva diventare un ambasciatore. Ciò potrebbe averlo indotto ad iscriversi al dipartimento Relazioni internazionali dell'Università di Gadjah Mada. Amien si è laureato all'università nel 1968 e ha frequentato l'università di Al Azhar al Cairo, in Egitto, come studente fino al 1969. Amien ha conseguito la laurea presso l'Università di Notre Dame, Indiana, nel 1974. La sua tesi era sulla politica estera del presidente egiziano Anwar Sadat. Nel 1984, ha conseguito un dottorato di ricerca. laurea in scienze politiche presso l'Università di Chicago. La sua tesi era "La fratellanza musulmana in Egitto: ascesa, morte e rinascita". Nel 1988, ha frequentato un programma post-dottorato presso la George Washington University, Washington, DC, 1986 e l'Università della California, Los Angeles, 1988

Attività a Muhammadiyah e ICMI

Dopo gli studi negli Stati Uniti, era uno specialista del Medio Oriente ed era noto per essere un critico della politica estera degli Stati Uniti. Controversamente, Rais ha imparato molto sui diritti umani e la democrazia negli Stati Uniti. Le attività di Amien Rais a Muhammadiyah iniziarono nel 1985 quando guidò il Consiglio di Predicatore ( Majelis Tabligh ). Più tardi nel 1990, Rais fu vicepresidente eletto in una convention ( muktamar ) a Yogyakarta. Amien Rais era anche attivo nell'ICMI ( Ikatan Cendikiawan Muslim Indonesia ) di recente costituzione, la Muslim Scholars Association. Rais guidò il Consiglio di esperti dell'ICMI, ma si dimise nel 1997 sotto la pressione di Suharto perché sosteneva i casi di Busang e Freeport. Nel 1995, Rais sostituì Azhar Basyir, allora presidente di Muhammadiyah, che morì poco dopo la sua rielezione. Nel 1993, durante una riunione a medio termine di Muhammadiyah ( Tanwir ) a Surabaya, Rais sollecitò una successione presidenziale, una questione molto rara nel regime del Nuovo Ordine. Il declino politico ed economico in Indonesia durante gli anni '90 ha fatto sollevare Rais a una questione controversa: la riforma politica. Le chiamate di Amien Rais furono uno dei tanti catalizzatori che portarono all'eventuale caduta del regime del Nuovo Ordine. Questo lo ha reso il nemico numero uno per l'amministrazione Suharto.

Carriera politica

Nel 1998, Amien Rais divenne un critico schietto e si alleò con il movimento di riforma. Tuttavia, ciò costringerebbe anche il regime del Nuovo Ordine a vietare qualsiasi manifestazione che rifletta la voce del popolo su Reformasi. Nel maggio 1998, Jakarta era nel caos a seguito di rivolte in alcune parti della città. L'esercito e le forze di polizia non sono stati in grado di gestire la situazione. Nel frattempo, il presidente Suharto ha intrapreso una visita di stato al Cairo, in Egitto. Al suo ritorno dal Cairo, Suharto venne a sapere che la situazione era fuori controllo. Diversi giorni dopo, ha invitato alcune personalità musulmane di spicco - tra cui Abdurrahman Wahid, Emha Ainun Najib, Nurcholis Madjid e Malik Fajar - per discutere delle condizioni attuali della nazione. Suharto propose di istituire un comitato per le riforme, di rimescolare i ministri del governo e di dimettersi dalla presidenza entro 6 mesi. A ciò non ha risposto chi ha partecipato alla riunione. Suharto fu preso dal panico mentre 14 dei suoi ministri si erano dimessi dal gabinetto. Il 20 maggio, Amien Rais ha annullato la manifestazione di massa in piazza Monas mentre un generale dell'esercito ha minacciato di fare "un altro Tiananmen" se dovesse farlo. Meno di 24 ore dopo, Suharto si dimise dal suo ufficio e fu sostituito dal vicepresidente BJ Habibie. Habibie aveva precedentemente vissuto ad Aquisgrana, in Germania.

Amien Rais e altri riformisti hanno istituito il National Mandate Party ( Partai Amanat Nasional / PAN) il 6 agosto 1998. Amien Rais è stato eletto primo presidente con Faisal Basri come segretario generale. Pertanto, la sua posizione a Muhammadiyah è stata sostituita dal vicepresidente Ahmad Syafi'i Maarif. PAN ha ottenuto il 6% dei voti alle elezioni del 1999, ma non è riuscito a nominare Rais come candidato presidenziale. Tuttavia, il compromesso politico ha permesso ad Amien di guidare l'Assemblea consultiva popolare (MPR). Come re maker, Amien Rais e altri partiti islamici e Golkar hanno eletto Abdurrahman Wahid come presidente e Megawati Sukarnoputri come vice presidente. Amien Rais è stato anche una figura di spicco nel processo di modifica della costituzione indonesiana.

Amien Rais fuggì e perse nelle elezioni presidenziali del 2004. Lui e il suo attuale compagno Siswono Yudohusodo sono stati nominati dal PAN, il Prosperous Justice Party (PKS) e alcuni piccoli partiti politici, e hanno chiuso al quarto posto con il 15% dei voti.

Amien Rais è attualmente presidente dell'Advisory Board di PAN, l'Advisory Board di Muhammadiyah, ed è professore all'Università Gadjah Mada. Uno dei fondatori del PAN, Abdillah Toha lo ha criticato per le sue dichiarazioni controverse e le incoerenze su molte questioni tra cui il suo sostegno al cambiamento delle elezioni locali per essere indiretto, e lo ha definito un "traditore della Riforma".

In un processo per scandalo sulla corruzione di un ex ministro della sanità, Siti Fadilah Supari, è stato riferito che Amien Rais ha ricevuto fondi relativi al caso. Ha ammesso di aver ricevuto i fondi ma poi ha accusato la Commissione di eradicazione della corruzione di essere un'organizzazione incompetente.