base di conoscenza
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Adolph Ochs

Adolph Ochs

Adolph Simon Ochs (12 marzo 1858 - 8 aprile 1935) era un editore di giornali americano ed ex proprietario del New York Times e del Chattanooga Times (ora Chattanooga Times Free Press ).

Vita in anticipo e carriera

Ochs nacque da una famiglia ebrea a Cincinnati, Ohio, il 12 marzo 1858. I suoi genitori, Julius Ochs e Bertha Levy, erano entrambi immigrati tedeschi. Suo padre aveva lasciato la Baviera per gli Stati Uniti nel 1846. Giulio era un uomo altamente istruito e fluente in sei lingue che insegnava nelle scuole di tutto il Sud, sebbene sostenesse l'Unione durante la Guerra Civile. La madre di Ochs Bertha era venuta negli Stati Uniti nel 1848 come rifugiata dalla rivoluzione nella Baviera renana, e aveva vissuto nel Sud prima del suo matrimonio del 1853 con Giulio, simpatizzato con il Sud, sebbene le loro diverse simpatie non separassero la loro famiglia .

Dopo la guerra, la famiglia si trasferì a Knoxville, nel Tennessee. A Knoxville, Adolph ha studiato nelle scuole pubbliche e durante il suo tempo libero ha consegnato giornali. A 11 anni, andò a lavorare alla Knoxville Chronicle come ragazzo d'ufficio di William Rule, l'editore, che divenne mentore. Nel 1871 era un impiegato di drogheria a Providence, nel Rhode Island, nel frattempo frequentava una scuola serale. Quindi è tornato a Knoxville, dove è stato per un po 'l'apprendista drogato. Nel 1872, tornò alla Cronaca come un "diavolo della stampante", che si prese cura di vari dettagli nella stanza di composizione del giornale.

I suoi fratelli hanno anche lavorato al giornale per integrare le entrate del loro padre, un leader religioso laico per la piccola comunità ebraica di Knoxville. La Cronaca era l'unico repubblicano, pro-Ricostruzione, quotidiano in città, ma Ochs annoverava fra i suoi clienti padre Ryan, il poeta sacerdote della Confederazione.

Chattanooga Times e The New York Times

All'età di 19 anni, prese in prestito $ 250 dalla sua famiglia per acquistare una partecipazione di controllo nel Chattanooga Times, diventando il suo editore. L'anno seguente ha fondato un giornale commerciale chiamato The Tradesman . Era uno dei fondatori della Southern Associated Press ed è stato presidente. Nel 1896, all'età di 38 anni, fu avvisato dal giornalista del New York Times Henry Alloway che la carta poteva essere acquistata a un prezzo notevolmente ridotto a causa delle sue perdite finanziarie e della vasta gamma di concorrenti a New York City. Dopo aver preso in prestito denaro per acquistare il New York Times per $ 75.000, ha formato il New York Times Co., ha posto il giornale su una solida base finanziaria e è diventato l'azionista di maggioranza. Nel 1904, assunse Carr Van Anda come suo caporedattore. La loro attenzione al giornalismo oggettivo, in un'epoca in cui i giornali erano apertamente e fortemente partigiani, e un calo tempestivo dei prezzi (da 3 ¢ per numero a 1 ¢) ha portato al suo salvataggio dall'oblio. Il numero di lettori del giornale è aumentato da 9.000 al momento del suo acquisto a 780.000 negli anni '20. Ha anche aggiunto il noto motto dei masthead del Times: "Tutte le notizie che si adattano alla stampa".

Nel 1904, Ochs trasferì il New York Times in un edificio di nuova costruzione in Longacre Square a Manhattan, che la città di New York ribattezzò come Times Square. Alla vigilia di Capodanno del 1904, i pirotecnici illuminarono il suo nuovo edificio a One Times Square con uno spettacolo pirotecnico dal livello della strada.

Il 18 agosto 1921, il 25 ° anniversario della riorganizzazione, lo staff del New York Times contava 1.885. Fu classificato come una pubblicazione democratica indipendente e si oppose costantemente a William Jennings Bryan nelle sue campagne presidenziali. Per la sua correttezza nella presentazione di notizie, moderazione editoriale e ampio servizio estero, ha conquistato un posto di rilievo nel giornalismo americano, diventando ampiamente letto e influente in tutti gli Stati Uniti.

A partire dal 1896, veniva emesso settimanalmente un supplemento, che alla fine si chiamava The New York Times Book Review and Magazine . A poco a poco sono state aggiunte altre pubblicazioni ausiliarie: The Annalist , una revisione finanziaria che appare il lunedì; Il Times Mid-Week Pictorial il giovedì; La rivista Current History , un mensile, iniziò durante la prima guerra mondiale. Il New York Times Index iniziò nel 1913 e fu pubblicato trimestralmente; ha confrontato solo con un indice simile a The Times di Londra.

Nel 1901, Ochs divenne proprietario ed editore del Philadelphia Times , in seguito si unì al registro pubblico di Filadelfia, di cui era proprietario unico dal 1902 al 1912, quando lo vendette alla Cyrus HK Curtis.

Secondo Wolfgang Disch, è stato durante questo periodo nel 1916 che Ochs ha trasmesso una delle sue citazioni più famose "Affermo che oltre il 50% dei soldi spesi per la pubblicità è sprecato ed è un puro spreco di inchiostro per stampanti". Questa citazione potrebbe essere l'origine del marketing comune che dice "So che metà del denaro speso in pubblicità viene sprecato, ma non riesco mai a scoprire quale metà", che è stato attribuito a John Wanamaker.

Attività familiari e religiose

Nel 1884, Ochs sposò Effie Wise, la figlia del rabbino Isaac Mayer Wise di Cincinnati, che fu il principale esponente del giudaismo riformato in America e il fondatore del Hebrew Union College.

Nel 1928 Ochs costruì il tempio della congregazione di Mizpah a Chattanooga in memoria dei suoi genitori, Giulio e Bertha Ochs. L'edificio coloniale georgiano è stato designato come sito di conservazione storica del Tennessee nel 1979.

Ochs era impegnato nella crociata contro l'antisemitismo. Fu attivo nei primi anni della Lega anti-diffamazione, servendo come membro del consiglio direttivo, e usò la sua influenza come editore del New York Times per convincere altri giornali a livello nazionale a cessare la caricatura ingiustificata e il lumeggiamento degli ebrei nella stampa americana .

Morte ed eredità

Ochs morì l'8 aprile 1935, durante una visita a Chattanooga. È sepolto nel cimitero di Temple Israel a Hastings-on-Hudson, nella contea di Westchester, New York.

La sua unica figlia, Iphigene Bertha Ochs, sposò Arthur Hays Sulzberger, che divenne editore del Times dopo la morte di Adolph. Il genero Orvil Dryfoos fu editore dal 1961 al 1963, seguito da suo figlio Arthur Ochs "Punch" Sulzberger. Sua figlia, Ruth Holmberg, divenne editrice di The Chattanooga Times . Il figlio di Ruth Holmberg è Arthur Golden, autore di Memoirs of a Geisha . Il pronipote di Ochs, Arthur Ochs Sulzberger, Jr., è stato editore del New York Times dal 1992 al 2017.

Uno dei suoi nipoti, Julius Ochs Adler, ha lavorato al New York Times per oltre 40 anni, diventando direttore generale nel 1935, dopo la morte di Ochs. Un altro nipote, John Bertram Oakes, figlio di suo fratello George Washington Ochs Oakes, nel 1961 divenne redattore della pagina editoriale della pagina editoriale del Times , che ha curato fino al 1976. Ochs è stato inserito nella Junior Achievement US Business Hall of Fame nel 1982 Un altro nipote, Adolph Shelby Ochs, era tesoriere e direttore del The Chattanooga Times. Era sposato con la signora Theodosia Fitzgerald Gray di Danville, in Virginia, nipote del fondatore della Danriver Inc. TB Fitzgerald, nipote del fondatore della Wachovia Bank James Alexander Gray e cugina di Bowman Gray Sr., ex presidente e presidente di RJ Reynolds.